Burian Due, non ti temiamo. In previsione dell’ondata di freddo del periodo pasquale, i volontari coordinati da Cristina Olivieri, vicepresidente della onlus «Vita che rinasce», si stanno nuovamente attivando per accogliere e sfamare persone senza fissa dimora.

Vita che rinasce in prima linea per aiutare i senzatetto

«Speriamo tutti in una bufala, ma nei giorni scorsi sulle nostre colline è nevicato: per questo ci si stiamo preparando per accogliere sei ospiti senza fissa dimora e due volontari, cui offriremo pernottamento e colazione nel periodo pasquale – spiega Olivieri – . Abbiamo attivato una raccolta dicoperte, asciugamani, intimo, felpe, tute, giacche pesanti, merendine, succhi di frutta monodose, bicchieri e piatti di plastica presso il magazzino sito in via Aurelia 99». Come recita lo statuto, «Vita che rinasce» persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale, occupandosi di pronto intervento e assistenza alla popolazione in caso di calamità naturali e a persone senza fissa dimora, su tutto il territorio nazionale. Tantissime le iniziative attivate finora: il mercatino solidale in viale Roma ogni mese, la consegna di roulotte a persone colpite dal terremoto in centro Italia, assistenza ad una vedova di Amatrice e ai suoi bambini, l’allestimento di una struttura antisismica a L’Aquila e il progetto per realizzarne una anche a Sestri Levante con moduli abitativi o roulotte, servizi igienici e docce.

Leggi anche:  Un’asta online per la Guardia pediatrica

«Chiunque può contattarci tramite il nostro sito e il mio profilo Facebook – conclude Olivieri – . Il circolo Confidenza di San Bartolomeo della Ginestra a inizio estate organizzerà una cena e devolverà il ricavato ai nostri progetti».