Dal pranzo di solidarietà alla cena di ringraziamento. Così potremmo definire infatti il banchetto che gli alpini e il gruppo di protezione civile del Comune di Paganica (in provincia de L’Aquila) allestiranno questa sera presso l’asilo della frazione di Santa Maria del Campo.

Una cena di ringraziamento per tutti gli amici di Paganica

Una cena succulenta, preparata con i prodotti tipici della terra martoriata dal sisma, alla quale sono stati invitati i comitati cittadini e le decine di volontari che hanno contribuito alla raccolta fondi destinata alla realizzazione di “Casa Rapallo”. Si tratta di un lotto del più ampio progetto di protezione civile che vedrà sorgere un area attrezzata, con casette per l’accoglienza immediata degli sfollati dotate di tutte le utenze, in modo da poter garantire una tempestiva soluzione provvisoria in caso di nuove devastanti scosse telluriche.

Al progetto, il Comune di Rapallo aveva deciso di aderire devolvendo parte del ricavato della manifestazione Amatriciamoci (circa 5mila euro) e organizzando il pranzo solidale del 30 settembre scorso ribattezzato, non a caso, «Rapallo per Paganica». Un pranzo al quale presero parte circa commensali ripartiti nelle due postazioni allestite in Rotonda Marconi e a Santa Maria del Campo, portando gli organizzatori a raggiungere quota 5.528 euro di fondi raccolti.
L’iniziativa era scaturita dopo l’incontro di maggio tra amministrazione e una delegazione di Paganica.

Leggi anche:  Andrea Paroni e la serata solidale a Bertiolo

«Ci hanno commosso la loro testimonianza, la loro forza d’animo e la volontà di ricominciare – sottolinearono il presidente del Consiglio Mentore Campodonico e il vice sindaco Pier Giorgio Brigati – Ci è parso così doveroso dare un segnale della grande generosità e solidarietà della comunità rapallese grazie alla preziosa e indispensabile collaborazione delle associazioni».