Nata nel 1952 per volontà di una ventina di pescatori locali, ritorna a Camogli la tradizionale e amatissima Sagra del Pesce. Famosa per il suo ottimo pesce fritto e per l’impressionante maxi padella impiegata (pesa ben 26 quintali e ha un diametro di tre metri e ottanta centimetri), si riconferma ancora una volta come uno degli appuntamenti gastronomici più gettonati dell’anno. Organizzata dal Comune, dalla Pro loco di Camogli e sponsorizzata da Friol, ha assicurato festa, spettacolo e una bella “scorpacciata” di frittura di pesce croccante e asciutta.

Successo per la Sagra del Pesce

Quest’anno ad aprire la manifestazione la benedizione della padella, intorno alle 9.15, impartita dall’ arciprete di Camogli, Don Giuseppe Bernardini; a seguire, alla presenza delle autorità, è stato consegnato il Premio Camogli a Serena Bertolucci e Vittorio Bertocci e si è svolta la premiazione del concorso: “Un Manifesto Per la Sagra del Pesce”: a vincere Beatrice Filograna, di Genova, 34 anni, architetto che si è aggiudicata un Premio di euro 500,00 dalla Pro Loco. La seconda opera classificata è di Silvia Gennarelli, di Recco; la terza di Enrico Massone di Camogli. Gli autori delle opere hanno anche ricevuto una Targa da parte del Comune di Camogli. Ad aggiudicarsi invece il “Premio del Pubblico” Valentina Mazza.
La conduzione della premiazione è stata affidata a Rossella Galeotti, giornalista del Secolo XIX, che con garbo e professionalità ha introdotto i premiati illustrandone le opere e i meriti. dei premiati. Dopo i saluti e i ringraziamenti di rito, intorno alle 10.40 è iniziata la distribuzione del pesce.

Nel Maxi padellone sono stati fritti circa 30 quintali di pesce azzurro in oltre 3.000 litri di olio Friol, sponsor ormai storico della manifestazione, senza olio di palma e risultato quest’anno vincitore di “Prodotto Food” nella categoria Olio & Aceto.
Migliaia di ospiti provenienti da tutta Italia si sono messi ordinatamente in fila per accaparrarsi le ambite vaschette, ecologiche e biodegradabili, colme di pesce freschissimo, offerto dalla Cooperativa Pescatori di Camogli e da Martini & C., fritto ad arte e distribuito in più riprese grazie anche all’impegno dei molti volontari presenti. Sono più di 100.000 le persone intervenute nei giorni della manifestazione gastronomica che, per il tredicesimo anno consecutivo, vede quale sponsor Friol, l’olio specifico per friggere che garantisce una frittura croccante e asciutta, grazie alla formula senza olio di palma e resistente alle alte temperature.

Leggi anche:  Pieve Ligure, Cornua e Monte Fasce: migliora la viabilità

I proventi della 67 ª Sagra del pesce quest’anno sono stati devoluti alla Cooperativa Pescatori di Camogli, per la tonnara andata totalmente distrutta. Da qualche anno, infatti, si destina ad un progetto il ricavato del modesto contributo, di 6 euro, da parte di chi desidera aggiudicarsi la vaschetta di pesce fritto ed il piattino ricordo in ceramica, che riproduce la grafica del manifesto dell’edizione.

Ricerca per ottimizzare e innovare, attenzione alla salute per un fritto croccante e asciutto, sempre senza cattivi odori. Sono questi gli ingredienti innovativi di Friol (Carapelli Firenze spa) che è stato recentemente incoronato vincitore di “Prodotto Food” nella categoria Olio & Aceto. L’ambito riconoscimento, creato dalla rivista “Food”, intende valorizzare i nuovi prodotti food&beverage lanciati negli ultimi due anni in Italia, oppure rilanciati con significativi cambiamenti e innovazioni. E’ proprio quanto avvenuto con Friol, nato nel 1985 come il primo olio specialistico per frittura in Italia e che, nel 2017, è stato rilanciato con una ricetta senza olio di palma, capace di offrire performance di frittura migliorative rispetto alla versione storica.

Prodotto Food premia Friol

La sua nuova formula ha il 50% di grassi saturi in meno rispetto alla formula precedente e possiede una alta percentuale di olio di semi di girasole “alto oleico” che garantisce un punto di fumo (cioè la resistenza al calore) più alto della formula precedente consentendo un aumento della vita utile dell’olio ed un incremento della resa in termini di quantità fritta.

E’ interessante notare come Friol sia un prodotto che mette d’accordo tutti! Il premio “Prodotto Food”, infatti, è la sintesi di due valutazioni di pari valore: da un lato quella delle performance di mercato (misurate dal panel Nielsen) che esprimono l’apprezzamento dei consumatori, dall’altro il giudizio del retail, attraverso le votazioni dei manager, buyer e category della GDO. Grazie ad entrambi i giudizi Friol è risultato essere il prodotto con miglior punteggio per la categoria olio & aceto 2018