Sopralluogo sul cantiere del ponte che collega la frazione di Lago a Sori: al via la ricostruzione di altri tre ponti nel centro cittadino.

Sori e i suoi ponti: oggi il sopralluogo di Giampedrone

Sono in dirittura d’arrivo i lavori di messa in sicurezza del ponte che collega la frazione di Lago con il centro di Sori. Questa mattina sopralluogo al cantiere da parte dell’assessore alle Infrastrutture Giacomo Giampedrone, assieme al sindaco di Sori Paolo Pezzana e al consigliere delegato alla Viabilità della Città metropolitana di Genova Franco Senarega. Regione Liguria ha stanziato nel complesso 268mila euro per opere di manutenzione straordinaria di quattro ponti nel comune di Sori.

L’intervento riguarda strutture sia pedonali che carrabili, e si divide in due lotti: il primo è quello attualmente in fase di realizzazione e verrà concluso entro la fine del mese di febbraio, che riguarda esclusivamente la messa in sicurezza del ponte di Lago, unica via di accesso diretto tra la frazione e il centro di Sori. «Si tratta di un intervento particolarmente sentito e rilevante per la popolazione della cittadina – spiega l’assessore alle Infrastrutture Giacomo Giampedrone – perché mette in sicurezza il percorso che consente agli abitanti di Lago di raggiungere Sori e il mare in pochi minuti, evitando una via molto più lunga».

Leggi anche:  Incendio domato poco fa a Sori

Il secondo lotto verrà cantierizzato a breve, e riguarda i 3 ponti situati nel centro urbano, che passano sul torrente Sori: «Due di questi sono carrabili – prosegue Giampedrone – e uno pedonale, e verranno ricostruiti dopo un adeguato rinforzo delle armature dopo la demolizione delle strutture attualmente presenti».
Durante il sopralluogo è emersa la richiesta di poter utilizzare i ribassi d’asta (circa 80mila euro) per la sistemazione di due passerelle pedonali in zona Sant’Anna (località Rovere) e in zona via Andorra. «Faremo tutte le valutazioni del caso – conclude Giampedrone – per valutare la possibilità di utilizzare i ribassi per questi interventi».