Palazzo Fascie Rossi di Sestri Levante diventerà un nuovo Punto FAI sul territorio. Dopo alcuni incontri è stato firmato un protocollo d’intesa tra FAI e Mediaterraneo, e sono in corso di studio numerosi progetti per il 2019.

Il FAI a Sestri Levante e il nuovo Punto

Il FAI-Fondo Ambiente Italiano, è la celebre Fondazione, nata nel 1975 senza scopo di lucro, che tutela e valorizza il patrimonio storico, artistico e paesaggistico italiano muovendo l’educazione e la sensibilizzazione della collettività verso maggiore consapevolezza e rispetto nei confronti dell’arte e dei paesaggi. Il 24 e il 25 marzo di quest’anno, durante le giornate FAI di Primavera, quasi 5.000 persone hanno partecipato all’apertura straordinaria del Parco dei Castelli a Sestri Levante. Grande successo ha riscosso anche la visita privata di Villa Domus a cura dell’architetto Domingo Tonini, grazie al quale si é potuto ammirare la significativa testimonianza del razionalismo in una proprietà privata solitamente inaccessibile.

Un risultato clamoroso ed un entusiasmante coinvolgimento di turisti e residenti che ha spinto  Mediaterraneo Servizi, la società “in house” del Comune di Sestri Levante da tempo impegnata nella promozione e nello sviluppo del territorio, ad approfondire la conoscenza con la delegazione FAI – Portofino Tigullio e firmare il protocollo d’intesa. Presso il Punto FAI di Palazzo Fascie Rossi sarà possibile iscriversi alla Fondazione, reperire materiale sulle iniziative FAI, ricevere informazioni e comunicazioni riguardo tutte le attività in programma, le aperture dei beni di carattere storico-artistico presenti sul territorio e le iniziative connesse.

Ghio: “Obiettivo, potenziare i percorsi avviati”

“Negli ultimi anni abbiamo lavorato concretamente a percorsi di valorizzazione del patrimonio culturale del territorio, anche attraverso l’avvio di collaborazioni con realtà locali e nazionali che hanno consentito di fare riscoprire a noi cittadini e ai turisti importanti pezzi della nostra storia e opere d’arte che rischiavano di essere dimenticate” afferma il sindaco Valentina Ghio. “Il grande successo di pubblico riscontrato durante le ultime Giornate FAI di Primavera, che hanno visto l’apertura di due beni cittadini normalmente chiusi al pubblico, ha confermato quanto il patrimonio culturale possa rappresentare una integrazione rilevante all’offerta turistica. L’obiettivo oggi è quello di potenziare i percorsi avviati, puntando a esperienze e collaborazioni di eccellenza”.

Massucco: “E’ il primo passo di una proficua collaborazione tra Sestri Levante e la delegazione FAI Portofino Tigullio”

Dichiara Marcello Massucco, amministratore unico di Mediaterraneo Servizi: “Questo è il primo passo di una proficua collaborazione tra Sestri Levante e la delegazione FAI Portofino Tigullio. Nel conseguire l’obiettivo di rendere Palazzo Fascie Rossi un solido e funzionale punto di riferimento culturale della città mi è sembrato conforme con il nostro progetto, collaborare con una realtà così affermata e solida come quella del FAI. La nostra città per ricchezza e unicità di paesaggio merita di essere inserita in un’ampia rete di promozione del patrimonio culturale ed ambientale”.

Leggi anche:  Sestri, nuovi investimenti nelle scuole

Colannino: “Sestri Levante mancava all’appello”

Glenda Colannino, capo delegazione FAI Portofino Tigullio:  “Sono molto orgogliosa di questa nuova convenzione. Ho sempre creduto nell’importanza di stringere collaborazioni con le amministrazioni del territorio, Sestri Levante mancava all’appello e finalmente sarà integrata nella nostra rete. Le convenzioni sono a livello nazionale quindi tutti gli iscritti al FAI potranno entrare al MuSel gratuitamente, questo è molto importante a livello di promozione turistica, con l’utilizzo della APP del FAI sarà possibile con un click geolocalizzarsi e scoprire i diversi e numerosi punti d’interesse presenti sul territorio. Spesso dei veri e propri tesori sono conosciuti in altre regioni e sconosciuti a livello locale, dai cittadini stessi, è proprio su questo che vogliamo puntare; fare scoprire le bellezze e i beni del territorio soprattutto da chi il territorio lo vive”.

Benente: “Grande soddisfazione”

“Fare gestione con una realtà così importante come il FAI è una grande possibilità per il MuSel”  dichiara l’archeologo Fabrizio Benente, direttore del MuSel . “Con gli obiettivi che abbiamo raggiunto, essere inseriti in una rete di promozione così ampia e di qualità è una notevole soddisfazione. L’Università di Genova e la Soprintendenza stanno collaborando con il FAI al progetto pilota per il riallestimento del Museo dell’Abbazia di San Fruttuoso, celebre punto d’interesse del Tigullio inserito tra i beni storico-culturale del Fondo Ambiente Italiano; espandere sinergie di questo tipo su Sestri Levante è un ottimo punto di partenza per valorizzare al meglio i beni culturali del nostro territorio”.

Palazzo Fascie apre le sue porte sabato 1 dicembre alle 16 per celebrare la nuova collaborazione

Per celebrare questa nuova collaborazione sabato 1 dicembre alle ore 16, Palazzo Fascie Rossi apre le sue porte in collaborazione col Gruppo FAI Giovani Portofino Tigullio. Gli iscritti al FAI avranno la possibilità di partecipare ad una visita gratuita del MuSel – Museo Archeologico e della Città ospitato a Palazzo Fascie Rossi (Corso Colombo n. 50), guidati dal direttore del Museo che porterà i partecipanti alla scoperta di una delle perle culturali della città dei Due Mari. Durante l’evento é possibile iscriversi al FAI alla quota promozionale di Euro 15 per tutti i giovani under 35. Per info: portofino@faigiovani.fondoambiente.it