Presentato ufficialmente ieri sera (lunedì 8 aprile) dal presidente della Regione Liguria, Carlo Gandolfo, candidato a sindaco di Recco per il Centro Destra e assessore uscente all’Urbanistica e alle attività produttive. Per l’occasione, illustrata anche la sua squadra.

Toti: “Mi auguro che i liguri continuino a darci quella fiducia che ci hanno già dato in questi anni”

“Mi auguro che i liguri continuino a darci quella fiducia che ci hanno già dato in questi anni e che anche a Recco resti un tassello fondamentale di quel disegno di sviluppo, di crescita e di buona politica che abbiamo costruito. La mia vera ambizione è cambiare questa Regione e il nostro modello ha convinto la maggior parte dei liguri” ha esordito il governatore Giovanni Toti, a Recco in una sala gremita di cittadini.

All’incontro, aperto alla cittadinanza, erano presenti parlamentari, consiglieri regionali del Centro Destra e il candidato sindaco della vicina Sori, Mario Reffo.

Giovanni Toti con Carlo Gandolfo

Da chi è composta la squadra di Gandolfo

Questi i nomi della squadra che ha deciso di mettersi a disposizione della città: Francesca Aprile (59 anni), commerciante; Paolo Nicola Badalini, (48 anni) dipendente del ministero della Giustizia, presidente uscente del consiglio comunale ; Fabio Bisso (43 anni), autista bus trasporto pubblico; Gian Battista Capurro detto “Nanni” (67 anni), pensionato; Luciana Capurro (51 anni), ristoratrice; Chiara Cattaneo (41 anni), consigliere comunale uscente, lavora come responsabile amministrativo; Edvige Fanin (35 anni), avvocato penalista; Davide Lombardo Manerba (19 anni), già sindaco dei ragazzi di Recco, studente universitario; Luigi Massone (37 anni), preparatore atletico; Benedetta Paglierini (25 anni), segretaria di studio notarile; Maria Caterina Peragallo detta “Marina” (59 anni), attuale assessore alla cultura e alle pari opportunità, insegnante; Sara Rastelli (26 anni), architetto; Daniel Revello (30 anni), consulente marketing; Franco Senarega (50 anni), artigiano, consigliere regionale, consigliere della città Metropolitana e consigliere comunale uscente; Enrico Zanini (63 anni), ex dirigente d’azienda in pensione; Maria Zanzi detta “Chicca” (47 anni), operatore tecnico Nue 112.

Lo slogan è “Esperienza, impegno e passione di uno concreto”

“Esperienza, impegno e passione di uno concreto”, questo è lo slogan scelto per la campagna elettorale da Carlo Gandolfo, 55 anni, imprenditore nel settore commercio forte di una ventennale esperienza prima come consigliere comunale e poi come assessore, che ha deciso di mettere al servizio della Comunità recchelina le sue competenze anche per il prossimo quinquennio. “Voglio ringraziare innanzitutto il presidente Toti e poi tutti coloro i quali hanno creduto e sostenuto la mia candidatura. Tutti insieme abbiamo aderito a questo percorso, arrivando uniti a condividere un programma e delle idee” ha detto Carlo Gandolfo salutando il governatore della Regione Liguria.

Leggi anche:  Cisl e la Fnp taglio del nastro per due nuove sedi

Il programma

Quindi con il Centro Destra ancora unito per un nuovo inizio il candidato sindaco ha proseguito illustrando il suo programma: “Dobbiamo rilanciare Recco sia sotto il profilo turistico sia commerciale, anche puntando alla ridefinizione urbanistica dell’abitato con la pedonalizzazione di aree centrali, come la piazza del Comune e la passeggiata a mare, e l’individuazione di parcheggi a corona attorno al centro, con previsione anche di un’accessibilità green con piste ciclabili. Una città accogliente è una città pulita, quindi va migliorato il sistema di raccolta dei rifiuti, rendendolo più moderno e funzionale. Penso, inoltre, al recupero delle zone collinari e delle frazioni non solo dal punto di vista della vivibilità e dei servizi, ma anche della fruizione e della salvaguardia del territorio. In quest’ottica va ripristinata la rete dei sentieri per favorire il turismo escursionistico, preservandola dal dissesto idrogeologico. Recco va anche caratterizzata come città dello sport attraverso il miglioramento degli impianti, che aiutino a diffondere la cultura del benessere e, al tempo stesso, rappresentino un’opera di riqualificazione del territorio. Occorre incrementare tutti gli strumenti che possano garantire la sicurezza dei Recchesi, a cominciare dal controllo di vicinato”.

Dal sostegno alle imprese, allo sviluppo economico, alla vivibilità e al verde, mantenendo alta l’attenzione alle fasce deboli, fino a individuare finanziamenti europei per progetti di ampio respiro. E poi sport, cultura, crescita del Consorzio della focaccia Igp e degli altri presidi gastronomici del territorio: sono solo alcuni dei punti che la “Lista per Recco” ha stilato nella consapevolezza di desiderare una città migliore.