Oltre 100 ragazzi si sono riuniti martedì scorso presso l’ex convento dell’Annunziata per parlare sul futuro della città, su progetti nuovi e su cosa si possa migliorare. L’evento è stato intitolato “Nassa”, un particolare tipo di rete usata nel nostro mare. Così come la rete pesca i pesci anche la serata di martedì scorso ha lo scopo di raccogliere i giovani e le idee innovative. «Nassa rappresenta l’evento politico per eccellenza (basti pensare all’etimologia di politica: polis, città in greco antico), in quanto permette ai partecipanti di avvicinarsi alla conduzione della propria cittadina – spiegano i giovani organizzatori – L’evento però è rivolto ad ogni fazione politica e è quindi completamente apartitico, perché tutti i giovani del territorio (e non solo) hanno il diritto a gestire da più da vicino la propria città.
Il 2 luglio quindi potremo smettere di mugugnare e iniziare a costruire insieme la città che vorremmo». A partire dalle 21 il via al “world cafè”, una tecnica partecipativa che si basa su piccoli gruppi di discussione informale. L’evento è stato organizzato con otto tavoli tematici che trattavano argomenti come lo sport, l’ambiente, il divertimento e lo studio. Al termine dell’incontro le proposte raccolte sono state consegnate al sindaco Valentina Ghio che ne valuterà la fattibilità. La serata è poi terminata con i concerti organizzati dall’associazione giovanile sestrese NoPanic. Questo è soltanto uno dei primi eventi dedicati alle idee dei giovani.
Nei prossimi mesi infatti sono in programma nuovi appuntamenti per un dialogo ed un confronto costante tra amministrazione comunale ed esigenze dei giovani.