Quella di ieri è stata una giornata all’insegna dell’educazione al primo soccorso nelle classi – dalla prima alla quinta – della scuola elementare di Pieve Ligure. Un modello sperimentale – in quanto ha coinvolto tutto l’arco della
formazione primaria, con un programma adatto a ogni età – che si  inserisce nel progetto “Primo soccorso a scuola”.

Primo soccorso a scuola, un successo

In collaborazione con i militi della Croce Rossa di Sori i bambini hanno imparato a riconoscere le situazioni di pericolo e le circostanze che richiedono l’intervento di un’ambulanza, hanno imparato come utilizzare
un defibrillatore e le manovre di primo soccorso. Hanno inoltre appreso l’utilità e l’importanza del numero unico di emergenza (112) e che qualora non potessero fare riferimento a un adulto dovranno essere loro a chiamare i soccorsi tempestivamente.
“È stato un grande successo e una grande soddisfazione vedere i bambini così interessati, attenti e partecipi anche con domande pertinenti – spiega Paolo Moscatelli assessore a sanità, servizi sociali e scuole del comune di Pieve Ligure – C’è stato un grande ritorno anche da parte delle maestre che hanno un ruolo fondamentale in quanto dovranno contestualizzare le nozioni apprese dai più piccoli durante tutto il percorso didattico”.
Il corso – che si ripeterà anche con tutte le classi della scuola media – rientra nel progetto di “Pieve Cardioprotetta” che intende formare tutta la comunità all’utilizzo del defibrillatore e alle manovre di primo soccorso, partendo dai bambini.