Preli: ok della Conferenza dei Servizi per l’approvazione della variante urbanistica allo S.U.A. dell’ex cantiere navale della società Gli Scogli S.r.l.

La vicenda

La società Gli Scogli S.r.l. ha presentato nel 2017 un’istanza per la realizzazione dell’intervento di diminuzione dei volumi dei fabbricati B1 e C che si affacciano su piazza Gagliardo: a settembre 2018, arriva il via libera da parte della giunta comunale in merito al progetto e alle varianti proposte. Passo successivo la convocazione da parte del Comune di Chiavari, lo scorso 28 dicembre 2018, di una Conferenza dei Servizi decisoria, per esaminare la pratica e acquisire le valutazioni degli altri enti.
Durante la seduta si è preso atto dei pareri espressi per iscritto da alcuni degli enti convocati (Telecom, Vigili del Fuoco, Enel, A.S.L.); delle opinioni pervenute in sede di conferenza illustrativa/referente (Capitaneria di Porto, Agenzia delle Dogane) e di quelle espresse direttamente nel corso delle sedute illustrativa e decisoria della C.D.S. (Polizia Municipale, IREN, ITALGAS); ed, infine, della nota della Regione Liguria datata 07/08/2018, ad oggetto “Modifiche alla legge urbanistica n. 36/1997 e s. m. e ad altre disposizioni in materia urbanistica”.

Ok alla variante

Al termine dei lavori, il presidente della Conferenza e dirigente del Settore di Programmazione e Attuazione delle Politiche Urbanistiche, l’ingegnere Mario Bonardi, ha disposto l’applicazione e l’approvazione della variante allo strumento urbanistico attuativo di iniziativa privata in zona C.4.3a.bis – ex cantiere navale per diminuzione di volumetria dei fabbricati denominati B1 e C e della variante al permesso di costruire relativa al medesimo strumento urbanistico attuativo, con l’osservanza di tutte le prescrizioni contenute nei pareri pervenuti.

Leggi anche:  Chiavari dedica alla poetessa Elena Bono la fontana di piazza Matteotti

Di Capua: “Con la mia amministrazione abbiamo assistito alla riduzione dei volumi”

Il primo cittadino Marco Di Capua conclude sottolineando che «la determinazione motivata di fine procedimento, che verrà adottata dal dirigente del Settore 5 a conclusione del percorso concertativo avviato, approverà la variante allo Strumento Urbanistico Attuativo la cui versione originaria era già stata ratificata e rilascerà la variante al permesso di costruire, attuativo delle previsioni dello S.U.A. in parola, e il successivo permesso di costruire per varianti in corso d’opera. Con la mia amministrazione abbiamo assistito alla riduzione dei volumi e delle superfici abitative dei due edifici B1 e C che si affacciano su piazza Gagliardo, mantenendo invariati tutti i progetti destinati alla parte pubblica, come la passeggiata, il verde e i parcheggi, che saranno ultimati entro fine agosto 2019».