“Sono arrivati i moduli della passerella pedonale che – alti circa un metro e mezzo sul livello del mare – aggirando le voragini sulla strada provinciale 227 permetteranno a tutti di raggiungere il borgo”. Matteo Viacava, sindaco di Portofino, apre con questa notizia la riunione tra il comune e i commercianti che si è tenuta questa mattina (mercoledì 21 novembre) all’interno del Teatrino comunale.

Chi c’era

Insieme al primo cittadino e al vice sindaco Giorgio D’Alia hanno partecipato – presenti anche la consigliera al Commercio Margherita Gimelli e quella alla Comunicazione e al Marketing Emanuela Morabito – il vice presidente di Ascom Confcommercio Santa Margherita e Portofino Alessandro Hubner e Ilaria Mussini, funzionaria di Confcommercio, per illustrare e dare sostegno alle imprese sulla modulistica. Con loro il colonnello dell’esercito Lorenzo Guani e il neo comandante della Capitaneria di Porto del Borgo Vincenzo Zagaria. Presente in sala anche l’Associazione Commercianti con i loro esponenti e la presidente Simona Mussini.

Obiettivo comune, riaprire entro Pasqua

“Portofino è una comunità che si unisce e che si aiuta nelle difficoltà. Portofino però è anche una grande azienda a cielo aperto, io la paragono alla Ferrari – continua il sindaco Viacava – e non possiamo permettere alle 2mila famiglie che vivono nel borgo di perdere anche un solo posto di lavoro. L’obiettivo, condiviso anche dalla Regione Liguria e dalla Città Metropolitana alle quali vanno i miei più sentiti ringraziamenti, è di riaprire entro Pasqua. E’ ovvio che i tempi sono vincolati anche alle condizioni meteo marine. Una cosa è certa; Portofino sarà pronta per marzo, anzi già per le festività natalizie saremo in grado di accogliere turisti e visitatori. Sono in programma diversi eventi. Portofino non deve essere abbandonata dai suoi commercianti”.

Leggi anche:  Interruzione dell'acqua a Camogli

Il Comune di Portofino poi cantierizzerà la parte della Piazzetta che si è alzata dopo l’esondazione del Rio Fondaco: verrà interessata l’area che va dall’imboccatura del rivo fino a via Roma.