Con la doppia giornata di chiusura a cavallo del primo del mese per le festività pasquali, Poste Italiane suggerisce come comportarsi per evitare code nel ritiro della pensione alla riapertura di martedì.

Le indicazioni di Poste Italiane

Pasqua a cavallo dell’inizio del mese e dunque uffici postali chiusi: riapriranno martedì, ma onde evitare congestioni, Poste Italiane suggerisce metodi alternativi per la riscossione della pensione. «Tutti i pensionati che hanno accreditato il rateo e sono titolari della carta Postamat oppure della carta libretto, hanno la possibilità di prelevare automaticamente il contante in disponibilità sul proprio Conto Bancoposta o sul proprio Libretto di risparmio anche a Pasqua e Pasquetta utilizzando gli sportelli ATM Postamat disponibili nel levante genovese e sull’intero territorio nazionale, fino a 600 euro al giorno». Per la giornata di martedì, quando gli uffici riapriranno, Poste Italiane suggerisce «di recarsi presso gli uffici postali in tarda mattinata, oppure durante la fascia oraria pomeridiana nel caso degli uffici aperti nel doppio turno. Dalle rilevazioni effettuate, infatti, è emerso come generalmente i flussi di clientela, e conseguentemente i tempi di attesa, siano molto più bassi nel corso della giornata rispetto alla fascia oraria compresa tra l’apertura degli sportelli e la prima metà della mattinata. Nel Levante gli uffici postali aperti al pubblico con orario continuato 8:20-19:05 sono quelli di Chiavari, Lavagna, Rapallo, Recco, Santa Margherita e Sestri Levante».