Niente armi e munizioni se in passato si è fatto uso di sostanze stupefacenti e si è stati condannati per guida in stato di ebbrezza, perché se si vuole essere autorizzati va “conservata nel tempo una condotta di vita indiscutibile”. Con queste motivazioni il Tar della Liguria ha respinto il ricorso presentato da un 50enne contro il ministero dell’Interno dopo che la Prefettura di Genova gli aveva negato il via libera per riottenere l’autorizzazione alla detenzione di armi ed esplosivi.

Respinto ricorso al Tar di un 50enne contro il divieto della Prefettura di Genova

Dieci anni fa il prefetto di Genova proibì all’uomo di possedere armi e munizioni “per non aver segnalato lo spostamento di un fucile e per aver posseduto sostanza stupefacente (cocaina)”. Dieci anni fa, oltre al consumo di droga “sporadico ma protratto per due anni dichiarato”, al ricorrente era stata contestata anche una condanna per guida in stato di ebbrezza. La Prefettura l’anno scorso ha respinto una nuova richiesta di revoca del divieto disposto precedentemente.