Il sindaco di Mezzanego Danilo Repetto ha inviato una lettera a Snam, Prefetto di Genova, assessore regionale Raul Giacomo Giampedrone e al sindaco città metropolitana Marco Bucci per la realizzazione del metanodotto Sestri Levante – Recco.

Le parole del sindaco:

La società Snam ha prentato alla nostra amministrazione il tracciato di fattibilità del nuovo metanodotto Sestri Levante – Recco. Il progetto interessa la parte superiore della Valcarnella, a confine con la Valgraveglia.

“Si tratta di una valle che pur mantenendo intatti i valori ambientali agricoli tipici del nostro entroterra, è stata ripopolata da tanti giovani nuclei familiari che si sono insediati nelle piccoli frazioni presenti nella vallata.

La realizzazione dell’opera comporterà significativi interventi sul crinale della vallata, con evidenti ricadute ambientali anche per l’installazione dei cantieri.

Inoltre, per raggiungere le aree interessate dal progetto, sarà necessario utilizzare anche delle strade comunali, in particolare la Semovigo – Case Zatta con la conseguente usura delle stesse.

E’ indubbio che l’impatto dell’opera dia pertanto diritto al Comune di Mezzanego di richiedere opere di compensazione ambientale, ai sensi dell’articolo 1 comma 5 legge 239/2004.

In particolare il Comune di Mezzanego ha realizzato un progetto di metanizzazione del Valmogliana, già inviato al Comune di Chiavari per l’inserimento nella gara d’ambito.

Si chiede pertanto propedeuticamente alla convocazione della Conferenza dei servizi necessaria all’approvazione del progetto, l’apertura di un tavolo tecnico da parte dell’Assessorato all’ambiente della Regione Liguria e della Prefettura di Genova ove concordate il tracciato migliore dell’opera, le modalità di installazione dei cantieri e le opere di compensazione ambientale a favore della collettività di Mezzanego”.