Mediaterraneo Servizi, società in house del Comune di Sestri Levante, vince un bando regionale e lancia un nuovo progetto di valorizzazione della filiera agricola locale.

Il progetto di Mediaterraneo

Mediaterraneo Servizi si è classificata al primo posto sul bando misura 16.04 del Piano di Sviluppo Rurale dedicato agli “Aiuti per la promozione e lo sviluppo delle filiere corte e dei mercati locali”, ed il progetto presentato sarà finanziato da Regione Liguria con l’importo di 66mila euro a fondo perduto.

«Lo scorso ottobre, nell’ottica di proseguire l’espansione del progetto Baie del Gusto, abbiamo presentato la domanda costruendo un tavolo che coinvolge una ventina di aziende locali della filiera agricola», racconta l’amministratore della società comunale Marcello Massucco (nella foto in evidenza). «Mediaterraneo come soggetto capofila ha molteplici responsabilità tra le quali il coordinamento dei partners coinvolti: ampliare le azioni di marketing territoriale nel campo agroalimentare ed enogastronomico è anche un ottimo trampolino di lancio per raggiungere nuovi mercati turistici».

Numerosi sono gli obiettivi prefissati: valorizzazione dei prodotti locali, riduzione dell’impatto ambientale, maggiore conoscenza e consapevolezza nei consumatori privati e del comparto commerciale, eventi dedicati ai produttori, realizzazione del brand identificativo del territorio, sono le principali azioni che verranno messe in campo. Il partenariato vede protagoniste numerose realtà tra produttori e operatori del settore agricolo e agroalimentare: un comprensorio vasto che si espande attraverso tutta Val Petronio, Val di Vara, Val Graveglia, Val d’Aveto e Val Fontanabuona.

«Il Comune di Sestri Levante è da molto tempo attivo nel collaborare con le attività agricole del territorio, a cominciare dalle storiche attività con la Cooperativa Olivicoltori Sestresi per arrivare ai più recenti insediamenti come quello dell’azienda agricola Bisson», aggiunge il sindaco Valentina Ghio. «Un nuovo progetto pubblico che sostenga la commercializzazione e la promozione delle eccellenze locali è sicuramente una buona notizia, che aiuta a sostenere un comparto fondamentale anche per il presidio e la cura del territorio».

Leggi anche:  Piscine di Sestri Levante, il caso in consiglio comunale

Il brand “Baie del Gusto” costituisce l’azione di maggiore valore aggiunto: un marchio a ombrello, unificatore delle differenti tipologie di prodotti, con un packaging dedicato che possa attirare nuovi consumatori ed elevare l’identità delle produzioni locali, da proporre al comparto del commercio di qualità e della ristorazione, coinvolgendo i CIV, le Associazioni di categorie e le attività del territorio. Un ulteriore passo successivo, sarà la realizzazione e commercializzazione di una linea di prodotti cosmetici bio-derivati proprio dalle produzioni locali, sulla falsariga di esperienze vincenti come quelle della vicina Provenza francese.

«Le risorse di questa misura del PSR rappresentano un ottimo strumento per sostenere anche le manifestazioni di promozione della filiera», continua l’assessore all’agricoltura Mauro Battilana. «Ad esempio la sinergia con eventi come Pane&Olio, che quest’anno oltre a Sestri Levante vede la partecipazione dei Comuni di Casarza Ligure, Lavagna e Leivi, aiuterà sicuramente lo sviluppo del progetto».

La promozione di questo mercato avrà un proprio presidio di attività presso l’ex Convento dell’Annunziata in Baia del Silenzio. Una “vetrina” dove si svolgeranno nuove forme e modalità di vendita per avvicinare i consumatori e creare contatti tra i produttori stessi, ampliando conoscenze e collaborazioni. Manifestazioni, show-cooking, presentazioni di prodotti e dimostrazioni che andranno ad affiancarsi ed integrarsi ai numerosi eventi già proposti dalla città di Sestri Levante.

«Olivicoltori Sestresi si dichiara molto soddisfatta di aver partecipato e vinto il bando PSR sullo sviluppo dei mercati locali», conclude il presidente della Cooperativa Nicola Gandolfo. «Non abbiamo una produzione così elevata da competere sui mercati esteri, ma l’olio extravergine certificato DOP Riviera di Levante sicuramente ha tutte le carte in regola per essere il prodotto di eccellenza sul mercato della ristorazione e del turismo del Tigullio».