Si stimano già in almeno un centinaio di milioni di euro i danni patiti da attività balneari e imprese del genovese e del Levante in seguito alle devastanti mareggiate di fine ottobre. Il dato, stimato dalla Camera di Commercio, emerge dalle segnalazioni di danno già presentate, il cui termine scadeva l’altro ieri, in base alle quali si è calcolata anche una previsione su quelle che ancora dovranno arrivare attraverso posta raccomandata. Dei 100 milioni di danni dichiarati, ha spiegato il segretario generale della Camera di Commercio Maurizio Caviglia, circa il 70% sarebbe relativo a immobili, il 20% a macchinari e il resto suddiviso fra spese tecniche e scorte merceologiche andate perdute.