Lunghe code ai seggi a Lavagna ancora dopo le 20

Questi i dati dell’affluenza alle urne (per la Camera dei Deputati) nei comuni del Levante genovese per le elezioni politiche di domenica 4 marzo, aggiornati alla mezzanotte e mezza, quando ancora non sono pervenuti Lavagna e Cogorno, ormai un’ora in ritardo rispetto a tutti gli altri. Una giornata caratterizzata, nel Tigullio come nel resto d’Italia, da lunghe code dovute ai rallentamenti introdotti dalla novità del tagliando antifrode: in serata i tempi di attesa a Lavagna e Chiavari sono stati segnalati come anche superiori all’ora. Ora comincia la lunga notte dello scrutinio.

L’affluenza nel Levante

L’affluenza definitiva ad urne chiuse alle 23 si è attestata a livello nazionale (quando ancora mancano alcune sezioni ritardatarie, Genova compresa, che potrebbero variare leggermente i totali) al 73,18%. In Liguria è al 72,69% e in provincia di Genova al 73,03%. In lieve calo rispetto al 2013. Comune per comune nel Levante:

Avegno – 76,61%
Borzonasca – 62,66%
Camogli – 77,83%
Carasco – 74,93%
Casarza Ligure – 77,41%
Castiglione Chiavarese – 71,41%
Chiavari – 73,85%
Cicagna – 70,47%
Cogorno – 74%
Coreglia Ligure – 70,72%
Favale di Malvaro – 72,60%
Lavagna – 73,19%
Leivi – 74,39%
Lorsica – 71,75%
Lumarzo – 67,53%
Mezzanego – 67,47%
Moconesi – 69,72%
Moneglia – 76,40%
Ne – 69,89%
Neirone – 60,63%
Orero – 69,23%
Pieve Ligure – 76,03%
Portofino – 72,56%
Rapallo – 71,78%
Recco – 76,53%
Rezzoaglio – 54,17%
San Colombano – 71,36%
Santa Margherita Ligure – 73,33%
Santo Stefano d’Aveto – 55,72%
Sestri Levante – 74,13%
Sori – 72,05%
Torriglia – 64,95%
Tribogna – 66,66%
Uscio – 72,86%
Zoagli – 72,94%