Anche il Levante genovese si sta recando alle urne in queste ore: sono oltre 130mila gli aventi diritto nell’area, e i primi dati di affluenza alle 12 diramati dal Ministero degli Interni mostrano una tendenza di partecipazione più alta di quanto in molti si potessero aspettare.

L’affluenza alle 12 nel Levante

L’affluenza alle 12 si attesta a livello nazionale al 19,43%. In Liguria è al 21,78% e in provincia di Genova al 22,32%. Comune per comune nel Levante:

Avegno – 20,41%
Borzonasca – 19,47%
Camogli – 26,60%
Carasco – 20,64%
Casarza Ligure – 22,05%
Castiglione Chiavarese – 22,22%
Chiavari – 22,44%
Cicagna – 21,08%
Cogorno – 17,64%
Coreglia Ligure – 15,31%
Favale di Malvaro – 20,21
Lavagna – 23,65%
Leivi – 23,97%
Lorsica – 18,57%
Lumarzo – 25,86%
Mezzanego – 16,82%
Moconesi – 21,56%
Moneglia – 22,49%
Ne – 19,45%
Neirone – 22,63%
Orero – 25,05%
Pieve Ligure – 23,03%
Portofino – 25,07%
Rapallo – 24,08%
Recco – 24,39%
Rezzoaglio – 17,50%
San Colombano – 17,51%
Santa Margherita Ligure – 26,42%
Santo Stefano d’Aveto – 20.04%
Sestri Levante – 23,18%
Sori – 20,27%
Torriglia – 18,83%
Tribogna – 21,19%
Uscio – 23,70%
Zoagli – 25,08%

Leggi anche:  Tanti auguri nonni! Un’iniziativa speciale targata Netweek

Il Levante al voto, qualche coda dovuta al tagliando

L’apparentemente buona affluenza, mista al nuovo tagliando “antibrogli” posto sulle schede elettorali, tuttavia, sta causando qualche disagio in alcuni seggi, dove le più lunghe e complesse operazioni di voto richiedono più tempo a ciascun elettore per esprimere il proprio voto. Il personale del seggio, infatti, per ciascuna scheda deve verificare il codice alfanumerico sul tagliando applicato su di essa al momento della consegna della scheda all’elettore, e nuovamente quando questi la riconsegna al presidente, che la dispone poi di sua mano nell’urna. Operazione che fa impiegare qualche tempo in più per ciascun voto, soprattutto quando l’elettore – e capita tutt’altro che di rado – ha difficoltà a richiudere la scheda in maniera corretta, con il tagliando a vista. Il personale del seggio non può aprire la scheda per richiuderla in maniera corretta (vi sarebbe il rischio di rivelare la segretezza del voto), e dunque qualche grottesca, confusa e imbarazzante scenetta ha rallentato le procedure in molti seggi.