I lavori attualmente in corso, la cui progettazione ed esecuzione sono interamente finanziate dal Provveditorato delle Opere Pubbliche Marittime, constano di due distinti interventi per un totale di circa un milione di euro.

Lavori al molo di Camogli

Il primo, già da tempo programmato, riguarda la realizzazione di una barriera esterna al molo napoleonico che impedisca al moto ondoso di prevaricare lo stesso riversandosi poi nel bacino in cui sono ormeggiate le imbarcazioni. Prevede la posa di 23.000 tonnellate di scogli di IV categoria (peso da 9 a 14 tonnellate cadauno) a riparo del molo e la realizzazione di una vasca di dissuasione, una sorta di intercapedine tra molo e barriera di scogli atta a interrompere il percorso dell’onda smorzandone l’impeto.

Il secondo intervento si è reso necessario a seguito della mareggiata di fine ottobre in cui il ‘riccio’ (scogli di testa) del molo ha subito alcuni danni che sono stati prontamente evidenziati al Provveditorato il quale ha effettuato un ulteriore bando per ripristinare il tutto. I lavori, seguiti dal Consigliere Oreste Bozzo, termineranno il 23 marzo.