Il Consiglio Regionale ha approvato quest’oggi, con 23 voti a favore e 4 contrari, un disegno di legge che contiene nuove norme in materia di tassidermia e imbalsamazione degli animali.

“Questo ddl introduce e disciplina la possibilità di preparare anche esemplari non cacciabili rinvenuti morti per cause naturali o accidentali”

“Innanzitutto – dichiara il consigliere regionale di Forza Italia Claudio Muzio, relatore in aula del provvedimento – questo ddl introduce e disciplina la possibilità di preparare, in circostanze documentate e previo nullaosta da parte della Regione, anche esemplari non cacciabili rinvenuti morti per cause naturali o accidentali, o esemplari cacciabili, sottoposti a trattamenti di lunga conservazione, al di fuori del periodo in cui ne è consentito il prelievo”.

“Un’altra novità importante – prosegue il consigliere regionale di Forza Italia – è quella che riguarda i possessori di preparati tassidermici realizzati antecedentemente alla data di entrata in vigore della legge regionale 7/84, che potranno ora dichiarare il possesso degli stessi alla Regione, senza incorrere in sanzioni”.

“Questo provvedimento – sottolinea ancora Muzio – apporta poi alcuni aggiornamenti alla l.r. 7/84, resisi necessari anche in seguito all’applicazione della l.r. 15/2015, in base alla quale le funzioni relative alla gestione della fauna selvatica, precedentemente in capo alle Province, sono state assunte dalla Regione. In conseguenza di ciò – conclude – sono stati modificati i riferimenti normativi, sono state aggiornate in euro le sanzioni e sono state correttamente riformulate le competenze, tra cui quelle che riguardano la nomina e la composizione della Commissione preposta agli esami preliminari al rilascio dell’autorizzazione per lo svolgimento dell’attività di tassidermista”.