Difficile impegno la scorsa Domenica (12/05) al lago Silvano Curadi di Santo Stefano Magra, nella prima prova del Regionale Feeder Liguria, come selettiva ai campionati italiani 2020.  Solo 20 gli atleti ammessi alle tre prove (numero massimo consentito per cui la difficoltà era estrema nel competere con la crema degli agonisti liguri).

Per alcuni Atleti Fima Chiavari era la prima volta che gareggiavano con tale specialità ad un Regionale, mentre Oliva Emanuele (campione Provinciale 2018) tuttora in corsa agli Italiani 2019, si notava molto più tranquillo e sicuro. Oltre a Oliva, nel Team Fima gareggiavano Marco Chino e Alberto Cò.

Il lago Curadi è molto conosciuto e frequentato dagli Atleti Spezzini, per cui batterli in casa propria era ritenuto impossibile, ma un “grande” Emanuele Oliva è riuscito nell’impresa conquistando il settore con oltre 14 kg di pescato principalmente carpe e carassi. L’altro settore è andato al fortissimo  savonese Eichholzer Roberto anche lui con 14 kg che supera Oliva x soli 200 grammi.

Ma poco importa l’assoluto, bensì la penalità, per cui chiudere la prima prova con una sola penalità e 14 kg di bottino, spiana di molto la strada di Oliva, in previsione delle prossime sfide regionali del 16 giugno ad Albenga e 7 luglio a Giacopiane.  6° posto in classifica x Alberto Cò con 4 kg di pesce, mentre Marco Chino 7° con poco più di 2 kg. Per loro la strada è in salita ma non impossibile, per cui restano vive le speranze di accedere ai pochi posti disponibili per gli Italiani 2020.

Leggi anche:  Vigili del fuoco in via delle Vecchie Mura a Chiavari

 

Con Alessiani, Botto e Bellusci la Fima ritorna al provinciale canna da riva

Sono passati diversi decenni dai gloriosi anni del dominio assoluto della Fima nella Canna da Riva, il ritorno  si è visto con Alessio Alessiani agli Italiani nel 2017 e in Nazionale con il Bronzo agli europei nel 2018. Ora il Team Fima grazie all’appoggio dello Sponsor Tecnico Ellevi, riprova a calcare i campi gara provinciali della specialità Mare Canna da riva con nuovi atleti sotto la guida esperta di Alessiani, schierando Enrico Botto ed il giovane Basilio Bellusci.

La prima prova disputata domenica scorsa, sulla Diga di Prà a Genova, non ha reso molto in catture, per cui solo l’esperienza dei vecchi atleti ha portato pesi sufficienti per i primi posti. Tra questi Alessio Alessiani che chiude al terzo posto con appena 800 grammi di pesce. Basilio Bellusci appena 9° aveva a fianco un mostro sacro come Fernando Valvassura, mentre Enrico Botto anche lui chiude 9°, porta al peso 411 grammi, a testimonianza della scarsa presenza di pesce. Il percorso tecnico degli atleti è appena iniziato.