Maltempo, attivati i piani neve e gelo di Rete Ferroviaria Italiana e Trenitalia.

Ferrovie in allerta

In seguito al bollettino diramato dalla Protezione Civile, che segnala un peggioramento delle condizioni meteorologiche con precipitazioni nevose e abbassamento delle temperature su gran parte dell’Italia, le società del Gruppo FS Italiane, Rete Ferroviaria Italiana e Trenitalia, hanno attivato i “Piani neve e Gelo”. Al momento, è confermata la piena disponibilità di tutte le linee ferroviarie ma si preallerta che i servizi commerciali potranno subire modifiche in base al peggioramento delle condizioni meteo.

Il peggio arriverà fra domenica e lunedì e potrebbe durare anche una settimana, e le temperature, che si prevedono scendere ben al di sotto dello zero termico, potrebbero portare a precipitazioni nevose intense non solo nell’entroterra ma anche sulle coste, dove si snoda la già debole rete ferroviaria, che conta solo due binari per collegare tutte le città della riviera.

Le azioni messe in campo da RFI

· presidiati con tecnici gli impianti nevralgici, con particolare attenzione ai nodi ferroviari urbani;

· per le linee ferroviarie, predisposto il piano di lubrificazione dei cavi elettrici e di corse raschiaghiaccio, per mantenere in efficienza i sistemi di alimentazione elettrica dei treni;

Leggi anche:  Treni cancellati, Rossetti e Lunardon: «Responsabile anche Berrino»

· nelle stazioni, attivati sistemi di snevamento e riscaldamento degli scambi;

· approntati i mezzi spazzaneve per la pulizia dei binari nei punti nevralgici della rete;

· incrementata la presenza del personale ferroviario con turni articolati nelle 24 ore, per l’intero periodo dell’emergenza. Il personale sarà supportato anche dagli addetti delle ditte appaltatrici;

· attivati i Centri operativi regionali per il monitoraggio in tempo reale del traffico ferroviario in coordinamento con la Sala Operativa nazionale di Roma.

Il “Piano neve e Gelo” di Trenitalia prevede il potenziamento dei servizi di assistenza ai clienti e, in caso di peggioramento delle condizioni meteo e di fenomeni di particolare intensità, la riprogrammazione dei servizi di trasporto con riduzione progressiva dei treni e cadenzamento orario, oltre a specifiche misure tecniche e organizzative per garantire la regolarità del servizio ripianificato.

Inoltre, sono previste azioni per preservare l’efficienza di locomotori e automotrici e il regolare funzionamento dei sistemi di sicurezza, delle porte delle vetture, degli impianti di riscaldamento.

L’auspicio è che tutte queste misure possano prevenire il ripetersi del disastro vistosi a dicembre col fenomeno del cosiddetto “gelicidio”, quando la circolazione era andata in tilt e molti viaggiatori erano rimasti bloccati sui convogli.