Questa mattina il sindaco Marco Di Capua ha preso parte, per la seconda volta, al programma radiofonico “Cento Città” in onda su Rai Radio Uno.

Boom di furti a Chiavari nelle ultime settimane, se ne è parlato in radio

I giornalisti Gianluca Semprini e Duccio Pasqua hanno fatto il punto sul tema della sicurezza cittadina, in particolar modo analizzando il trend dei furti che avvengono nelle abitazioni dei privati, attualmente in calo, ma che, secondo i dati aggiornati Istat, nel 2014 si aggiravano intorno a 1.570.000 episodi sul territorio nazionale, poi scesi a 1.192.000 nel 2018. Una situazione preoccupante per le grandi città come Milano, che registra 34 episodi al giorno, segnalata anche dal procuratore generale Roberto Alfonso durante il discorso di apertura dell’anno giudiziario.

Come si comporta una cittadina di 27 mila abitanti come Chiavari a seguito del boom di furti avvenuti nelle ultime settimane?

«Dopo gli episodi predatori accaduti nelle zone periferiche e collinari di Chiavari tra dicembre e gennaio, ho richiesto al prefetto di Genova un incontro, a cui è seguita la convocazione del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica – ha dichiarato il sindaco Marco Di Capua ai microfoni di Rai Radio Uno – E’ emerso ciò che i miei colleghi sindaci hanno già anticipato, ovvero che i furti sono in diminuzione ma la percezione di sicurezza è minore. Nello specifico sono stati eseguiti maggiori pattugliamenti dei sentieri e delle aree collinari, considerate le vie di fuga dei ladri, e, qualche giorno fa, sono stati trovati diversi rifugi di fortuna all’interno di vecchi casolari, insieme ad una parte della refurtiva: per questo motivo abbiamo ritenuto necessario intimare ai proprietari la chiusura di tali strutture. Inoltre, durante una riunione con i residenti, è stata da loro ventilata la possibilità di istituire ronde nelle aree colpite, ipotesi che mi preoccupava abbastanza. Su iniziativa dei cittadini, invece è stato creato un gruppo WhatsApp in cui i singoli privati fanno pervenire tutte le segnalazioni – conclude Di Capua – No al giustizialismo, ma una collaborazione fattiva tra istituzioni, residenti e forze dell’ordine sembra essere la chiave giusta per intervenire in maniera immediata».

Leggi anche:  Proseguono i lavori sulla SP333 con opere su manto stradale e cordoli