È finita la pacchia per i ‘furbetti’ della differenziata. Sono già una decina le sanzioni per chi ha abbandonato rifiuti sul territorio di Camogli. All’opera la telecamera mobile della polizia municipale che, attraverso le targhe è già risalita ai ‘furbetti’. «Sono tanti gli abbandoni, soprattutto di rifiuti ingombranti  -spiega il comandante della polizia municipale Antonio Santacroce-: hanno già abbandonato biciclette, mobili, persiane e altri rifiuti che avrebbero potuto essere conferiti in maniera consona». La polizia municipale, grazie qa ueste telecamere, in continuo movimento, ha sanzionato con 250 euro le persone rintracciate attraverso le targhe delle auto, immortalate dall’occhio elettronico. Sono residenti e ‘foresti’, presumibilmente che al borgo lavorano. Le ricerche e i controlli si intensificheranno, soprattutto nei punti non controllati dalle telecamere fisse. Questo il segnale forte dell’amministrazione che ha messo in atto il piano: ‘Camogli sostenibile’. Sabato 1 giugno, in Comune, è stato presentato il logo che sottolinea l’identità ‘verde’ della città, traguardo irrinunciabile. Nel logo: il Dragun, lo sciabecco simbolo della città disegnato da Eros Rigoli. A garantire l’impegno anche 26 alunni delle scuole medie che, con la propria pettorina di colore blu si impegneranno in tal senso, soprattutto per far rispettare la nuova ordinanza di divieto di fumo e nelle zone strategiche della città e in spiaggia. Nuovi posacenere in arrivo in via XX Settembre, oltre i 2 in passeggiata.