Il Consiglio metropolitano adotta l’aggiornamento del Piano di dimensionamento e della offerta formativa 2019 a valere dall’anno scolastico 2020-2021.

Istituita anche una scuola dell’infanzia statale a Borzonasca

A conclusione di un lungo percorso partecipativo avviato lo scorso aprile che ha coinvolto attivamente i Sindaci dei Comuni metropolitani, l’ANCI, l’Ufficio scolastico provinciale, i dirigenti scolastici degli Istituti di ogni ordine e grado, le Organizzazioni sindacali di categoria, ed un costante lavoro di interfaccia con Regione Liguria, Città metropolitana di Genova ha approvato all’unanimità, nella seduta di Consiglio dell’11 settembre 2019, l’aggiornamento del Piano di Dimensionamento della rete scolastica e dell’offerta formativa.

Per la prima volta viene istituito un istituto onnicomprensivo (una scuola che ricomprende primaria, secondaria di I e di II grado) nel territorio Regionale fondendo l’Istituto Statale Primo Levi con l’Istituto Comprensivo Ronco Scrivia. L’istituzione di questo tipo di scuola è stata fortemente sostenuta da tutti i Comuni della Valle e dell’area montana sia considerando la prospettiva demografica sia la condizione delle scuola in aree montane del territorio.

Viene istituita una scuola dell’infanzia statale presso il Comune di Borzonasca afferente all’Istituto Comprensivo “Valli e Carasco” poiché nel 2015 è stata chiusa la scuola paritaria esistente e non ci sono altre scuole analoghe all’interno dello stesso Comune.

Verrà attivata una succursale dell’istituto Marsano, presso il Comune di Arenzano che renderà disponibile sia la sede in termini di aule (10) sia due aree parco ed un appezzamento di terreno per l’attività operativa all’aperto.

Leggi anche:  Sestri, revocato il divieto di balneazione

​La nuova sede del Marsano potrà intercettare una domanda del territorio (sia genovese che savonese) e costituire un punto di avvio sia per rilanciare l’istituto che per avviare sul ponente una formazione orientata alla promozione del territorio e delle proprie tipicità.

Per quanto riguarda l’offerta formativa il Consiglio amplia l’offerta presente sull’area metropolitana autorizzando l’attivazione dell’indirizzo professionale “Servizi culturali e dello spettacolo” all’istituto Rosselli, ampliamento coerente con la curvatura dell’indirizzo turistico già attivo.

Autorizza inoltre l’attivazione di due indirizzi per adulti (ex serali) che costituiscono uno strumento particolarmente importante ed efficace per incrementare la formazione della popolazione e contribuiscono a inserire, o a re-inserire, nel mondo del lavoro giovani ed adulti con una formazione incompleta o inadeguata: l’istituto Caboto attiverà il corso serale dell’ordinamento professionale “Servizi per la sanità e l’assistenza sociale”, l’istituto Liceti il corso serale “Amministrazione, finanza e marketing, articolazione Sistemi informativi aziendali”

Il Piano metropolitano contribuirà alla costituzione dell’aggiornamento del Piano di Dimensionamento della Offerta Formativa Regionale, che raccoglie tutte le decisioni degli enti intermedi ed autorizza in via definitiva le variazioni proposte.

Le nuove proposte saranno già presentate dalle scuole all’interno del prossimo salone Orientamenti di novembre 2019, al fine di consentire alle famiglie le iscrizioni dal prossimo gennaio 2020.