Elio Pezzuti, 92 primavere e un fisico da urlo. Il suo segreto? Allenare corpo e mente

elio pezzutti

Elio Pezzutti festeggiato a sorpresa al Marina Sport di Lavagna

Gioioso fuori programma al Marina Sporting di Lavagna, sabato 30 settembre. Elio Pezzuti è un atleta che si allena quasi quotidianamente presso la struttura sportiva situata sopra il porto lavagnese. Al termine della seduta, lo staff del Marina Sporting, guidato da Fabio Daneri e dagli altri istruttori, gli ha fatto trovare una speciale sorpresa. Una torta e una bottiglia di spumante per festeggiare insieme le sue prime 92 primavere: «E’ incredibile alla mia età essere accettati così – racconta divertito -. Come ogni giorno “trafficavo” in palestra, quando sono arrivati a festeggiarmi. D’altronde per loro sono l’atleta più longevo…».

Va in palestra tutti i giorni, conosce tre lingue e legge romanzi in lingua originale

Una preparazione sportiva che mai nella sua vita si è interrotta. Elio pratica da sempre nuoto amatoriale, percorrendo anche 4-5 chilometri, e da quattro anni è decano dell’Unitre di Lavagna, l’Università delle tre età. «Certo, non mi comporto come un ragazzo di 20 anni, ma oltre al fisico continuo a curare la mia mente». E all’Unitre segue corsi di filosofia e giornalismo. Inoltre ha studiato e conosce tre lingue e si diletta a leggere romanzi e poesie in lingua originale.

Leggi anche:  Allerta meteo, alcuni disagi nell'entroterra

“Superare un ostacolo per me è una vittoria”

«Cerco sempre di lottare perché ho l’ostacolo dell’età – spiega Elio -. Ma quando c’è un ostacolo superarlo per me è una vittoria». Un dono, quello della sua longevità fisica, mentale e sportiva, che deriva geneticamente, ma non solo: «Nel 2002 sono andato in pensione a 77 anni dopo aver lavorato soprattutto come funzionario del gruppo Tirrenia. Da quel momento, ho cercato maggiormente rispetto a prima, la qualità della vita, scoprendo che mente e fisico sono strettamente correlati». Senza dimenticare l’affetto dei suoi due figli Luca e Fabio che…: «Continuo a seguirli e aiutarli ogni giorno». E non l’opposto…