Crollo del Ponte Morandi, la vicepresidente Viale: «Indispensabile un intervento urgente per rendere gratuiti i pedaggi autostradali alle ambulanze. Grazie a Ministro Salvini e sottosegretario Rixi che si sono fatti carico del problema».

Viale: «Indispensabile rendere gratuiti tutti i trasporti sanitari in autostrada»

«Oggi, durante la visita presso l’Ospedale Policlinico San Martino, ho segnalato al ministro Salvini che, nonostante la tragedia accaduta a Genova, le pubbliche assistenze anche in questi giorni stanno pagando il pedaggio autostradale quando effettuano trasporti sanitari. È un’assurdità inaccettabile, ancora di più dopo il crollo del Ponte Morandi. Sia il ministro Salvini che il sottosegretario Rixi si sono subito fatti carico del problema, annunciando un intervento tempestivo del governo nei confronti delle concessionarie autostradali». Così la vicepresidente e assessore alla Sanità di Regione Liguria Sonia Viale al termine della visita presso l’Ospedale Policlinico San Martino insieme al vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini, al sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti Edoardo Rixi e al governatore Giovanni Toti.

Leggi anche:  Bollini e manutenzione delle calderine: sì della Regione ad una campagna informativa

«È indispensabile – ha aggiunto la vicepresidente Viale – rendere gratuiti tutti i trasporti sanitari in autostrada: si tratterebbe di un significativo aiuto e di una semplificazione burocratica per le pubbliche assistenze, che voglio ringraziare per l’impegno profuso in queste difficilissime giornate».

Il comunicato arriva proprio poche ore dopo la segnalazione clamorosa della Croce Bianca di Rapallo, che si è vista contestare un pedaggio non pagato di rientro dai servizi di soccorso a Genova.