Dopo la firma del verbale di consegna che ha avuto luogo ieri martedì 31 luglio nella sede della Regione e che ha segnato il definitivo trasferimento di alcune strade provinciali all’ANAS (un totale di circa 187 km nell’entroterra di Genova e del Levante), il consigliere regionale di Forza Italia Claudio Muzio chiede che, dopo questo passaggio, vengano al più presto messi in campo interventi di manutenzione e ripristino del manto stradale della S.S. 586 della Valle dell’Aveto e della S.S. 654 della Val Nure.

Strade in precarie condizioni, costituiscono un pericolo per l’incolumità di chi vi transita

A tal fine Muzio ha depositato oggi mercoledì 1° agosto un ordine del giorno – sottoscritto anche dal capogruppo Angelo Vaccarezza – che verrà discusso nelle prossime sedute di consiglio.

“Queste due strade – dichiara Muzio – rappresentano un collegamento fondamentale per il nostro entroterra. Le precarie condizioni in cui versano costituiscono un oggettivo pericolo per l’incolumità di coloro che quotidianamente vi transitano”.

“Il passaggio ad Anas imprimerà un’accelerazione al piano degli interventi”

“E’ tempo di intervenire – prosegue il consigliere regionale di Forza Italia – in maniera seria ed incisiva: dal trasferimento ad ANAS di queste arterie stradali, che ho sostenuto sin dall’inizio del mio mandato in Regione, potranno derivare maggiore capacità di azione e la possibilità di attingere a maggiori risorse per la manutenzione. Sono certo che questo passaggio imprimerà un’accelerazione al piano degli interventi, nel quale l’attenzione per la S.S. 586 della Valle dell’Aveto e la S.S. 654 della Val Nure dovrà essere massima”.

Leggi anche:  Affido e tutela dei minori, l’impegno della Regione per evitare gli allontanamenti “facili”

“Pertanto – conclude – anche tenendo conto del documento votato pochi giorni fa dal consiglio comunale di Santo Stefano d’Aveto, con il mio ordine del giorno chiedo alla Regione di attivarsi presso ANAS affinché vengano intraprese con la massima urgenza tutte le azioni necessarie al ripristino delle normali condizioni di praticabilità e di sicurezza di queste due strade”.