Il Comune di Chiavari e gli enti del territorio che gestiscono il panorama dei servizi socio educativi e assistenziali per minori e giovani, quali il Consorzio Tassano Servizi Territoriali, Ce.Se.Co. e il Villaggio del Ragazzo, promuovono un momento di riflessione sullo stato dei servizi stessi.

Seminario “Narrazioni, valore e funzione dei servizi per minori e giovani all’interno della comunità”

Domani, giovedì 28 giugno 2018 dalle ore 9 alle ore 13, presso la Sala Banco Bpm, Banco di Chiavari e della Riviera Ligure, in Via Dallorso 6 a Chiavari, si svolgerà il seminario “Narrazioni, valore e funzione dei servizi per minori e giovani all’interno della comunità”, che si propone di tracciare un bilancio del lavoro svolto e delineare le prospettive future connesse ai bisogni delle nuove generazioni presenti nella nostra comunità.

Tali bisogni risultano articolati e complessi, occorre pertanto promuovere nuove occasioni di confronto e conoscenza, coinvolgendo gli amministratori e gli operatori della rete socio-educativa sulle opportunità che il territorio mette a disposizione delle famiglie, delle fasce d’età comprese tra l’infanzia, l’adolescenza e la prima età adulta.

Leggi anche:  Chiavari, arrivano le giostre, se ne vanno 500 parcheggi

Il seminario si impegna a restituire un quadro completo dei servizi attuati, sia dal punto di vista metodologico che quantitativo, per sottolineare il valore e il significato che assume per la nostra comunità prendersi cura dei minori e dei giovani, i cittadini di domani.

Il programma della giornata:

– Registrazione partecipanti;

– Inizio lavori e saluti delle autorità – intervento a cura di Fiammetta Maggio, Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Chiavari;

– “Per non perdere l’appuntamento con il mondo: la mission dei servizi per adolescenti e giovani” a cura di Andrea Marchesi, pedagogista;

– “L’educazione: declinazioni possibili” – a cura di Ilaria Forcella, Monica Zazzali e Fulvio Di Sigismondo, coordinatori servizi;

– Riflessioni conclusive e chiusura lavori;

Moderatrice: Elisabetta Paroletti, psicologa psicoterapeuta.