Caboto e Alfana concludono il percorso a favore del Gaslini.

Caboto e Azienda Alfana donano mille euro al Gaslini

Si è conclusa oggi la cerimonia di consegna della somma ricavata dall’azione congiunta dell’Istituto Caboto di Chiavari e dell’Azienda Alfana di Donatella Inzerillo, tesa a sensibilizzare la cittadinanza alle problematiche dei bambini del Gaslini. I ragazzi si sono divertiti a mettere insieme diversi tipi di pelli colorate e diversi materiali, realizzando, oltre ai quadretti anche portachiavi e pupazzetti; uno dei ragazzi ha, inoltre, creato diversi tipi di collane, bracciali e collari per cani e gatti. Questi quadri sono stati ideati con tanto amore e voglia di fare, soprattutto per riuscire a donare un aiuto concreto ai bambini ricoverati nell’Ospedale genovese.

La cerimonia ha visto la consegna di 1000 euro, ricavati dall’azione congiunta di Alfana, azienda di rilievo internazionale nella produzione di borse e pelletteria, attiva da quarant’anni sul nostro territorio grazie alle iniziative professionali e sociali di Donatellla Inzerillo. La squadra della IV del Caboto di Chiavari, guidata dal Dirigente Scolastico Glauco Berrettoni e dai docenti Sabrina D’Isanto e Daniele Secli, è stata ricevuta dal Presidente dell’Istituto Giannina Gaslini, Pietro Pongiglione, che ha ricevuto l’assegno destinato alla Onlus. Ne è seguita una visita nei reparti, condotta dal personale del Gaslini, che ha mostrato agli studenti le peculiarità dei vari settori.

Leggi anche:  Sul Belvedere Luigi Tenco esibizione del Gruppo "Surya"

«È motivo d’orgoglio, per il Caboto, aver potuto realizzare, nel suo piccolo, un’iniziativa a favore di una realtà ospedaliera imprescindibile come il Gaslini – scrive il Dirigente Scolastico Glauco Berrettoni – ma ancor più motivo si soddisfazione, accanto alla risposta positiva della popolazione, è stata la fattiva ed entusiastica partecipazione di un’Azienda di eccellenza come quella di Alfana, a testimoniare che il mondo imprenditoriale non è insensibile alle problematiche del territorio ma, anzi, è sempre disponibile a fornire il proprio contributo».