Il consigliere regionale Giovanni Boitano ha preso parte ieri pomeriggio, venerdì 28 dicembre, a Villa San Giacomo nel parco di Villa Durazzo (Santa Margherita Ligure) alla presentazione del libro del giornalista Mauro Boccaccio “Frank Sinatra è mio figlio” (De Ferrari Editore). Presenti l’assessore del Comune di Santa Margherita Beatrice Tassara, il sindaco di Neirone Stefano Sudermania e il giornalista Massimo Lagomarsino
Avvincente la storia del cantante italoamericano che ha sempre amato Genova e in modo particolare il pesto del suo grande amico Luciano Belloni “Zeffirino”, ma soprattutto l’opportunità di conoscere uno spaccato dell’emigrazione che ha visto protagonista il Tigullio e il suo entroterra nell’Ottocento e nella prima metà del secolo scorso.
Tante vicende si intrecciano e denotano come i nostri emigranti non hanno mai dimenticato la terra d’origine come può testimoniare la sempre nutrita partecipazione di persone provenienti da ogni parte del mondo alla Giornata dell’Emigrante che si svolge ogni anno a Favale di Malvaro.
Boitano, favalese doc, ha ricordato in modo particolare le vicende di Amadeo Giannini, il più famoso banchiere d’America, tra i fondatori della Bank of America. «Il prossimo anno ricorre il settantesimo anniversario della scomparsa – spiega Boitano – avvenuta il 3 giugno 1949 a San Mateo in California, ritengo importante predisporre delle iniziative per ricordare la figura di un italoamericano, concepito a Favale ma nato a San Jose nel 1870 che, come Sinatra, rende onore al nostro Paese e in modo particolare al Tigullio».