Ogni tanto una bella notizia per chi viaggia sugli autobus: non cambiano le tariffe di Atp, risalenti al 2016. E per il terzo anno consecutivo resta bloccato il prezzo degli abbonamenti annuali e mensili, che sono poi la modalità di viaggio più utilizzato dai passeggeri e in particolare dai pendolari.

Resta bloccato anche il prezzo degli abbonamenti

Gli abbonamenti consentono la libera circolazione sull’intera rete servita da Atp, sono personali e non cedibili e devono essere accompagnati da documento di riconoscimento.

Tre le tipologie di abbonamento: Carta Verde per i giovani entro i 26 anni (mensile 45 euro, annuale 405 euro); Carta Libera (mensile 50 euro, annuale 450 euro); mentre cambia l’età per poter viaggiare con la Carta Blu che dal 1° marzo è disponibile per tutti gli over 65 anni (fino a oggi era per gli over 60 anni, 40 euro mensile e 360 euro annuale).

Restano invariati gli importi sia mensile (40 euro) che annuale (360 euro), nonché la possibilità di rilascio a chi dimostri un’invalidità accertata di almeno il 60%. Vengono anche mantenuti i mensili integrati Amt e Atp che consentono di utilizzare i vettori di trasporto pubblico che operano nell’area della Città Metropolitana di Genova con un unico abbonamento al costo fisso di 70 euro sia per pendolari sia per studenti. Restano validi sino alla data di scadenza gli abbonamenti annuali e mensili in corso di validità. Immutato il sistema tariffario per tutti gli altri tipi di permesso di viaggio.