Anche oggi il Centro Meteo Arpal ha emesso l’avviso meteo per disagio fisiologico da caldo – il massimo messaggio per questo tipo di fenomeno – lungo le località costiere, determinato dalle condizioni di umidità e temperatura che continuano a interessare il lato marittimo della nostra regione.

La situazione e le previsioni

OGGI, sabato 29 giugno 2019, Fino al pomeriggio una residua instabilità può favorire lo sviluppo di isolati rovesci o temporali d’intensità anche moderata sui rilievi; non si escludono locali sconfinamenti verso la costa. Temperature ancora elevate associate a valori di umidità medi o medio-alti determinano la permanenza di diffuse condizioni di disagio fisiologico per caldo, da moderato sui versanti padani fino a elevato nei centri urbani e nelle vallate poco ventilate dei versanti costieri.

DOMANI, domenica 30 giugno 2019, Nelle ore centrali possibile attività convettiva su Alpi Liguri e Appennino di Levante; non si escludono brevi e isolati rovesci o temporali di calore d’intensità debole, al più moderata. Permangono temperature ben superiori alle medie del periodo, in rialzo su di D ed E, in lieve calo lungo la costa; si confermano condizioni di moderato disagio fisiologico per caldo, più marcate nelle vallate dell’entroterra.

Leggi anche:  Allerta meteo gialla, confermata chiusura alle 12 di oggi

DOPODOMANI, lunedì 01 luglio 2019, Nel pomeriggio possibile attività convettiva sui rilievi alpini con possibili isolati rovesci o temporali d’intensità debole, al più moderata. Diffuse condizioni di disagio fisiologico per caldo fino a moderato su D ed E e localmente nelle vallate interne dei versanti costieri; lungo la costa temperature massime in lieve calo.

Nella notte temperature minime a Im 24.9, Sv 26.8, Ge 27 e Sp 26.1, con umidità alle 4 pari rispettivamente a 73%, 66%, 67%, 79%. Massima temepratura attuale: Pian dei Ratti, con 37.3.

Per gli aspetti socio sanitari e i comportamenti da adottare si rimanda al bollettino sulle ondate di calore emesso dal Ministero della Salute e reperibile sul sito www.salute.gov.it, che dettaglia i livelli di rischio socio-sanitario nelle varie città italiane.