Sono stati presentati ieri, presso la Delegazione di Chiavari di Confindustria Genova, gli aggiornamenti operativi sul progetto Accademia del Turismo, frutto dell’accordo quadro sottoscritto nel dicembre 2015 tra Confindustria Genova, Ugal-Unione dei Gruppi Albergatori del Levante, Fondazione Accademia Italiana della Marina Mercantile, Villaggio del Ragazzo, Consorzio Lavagna Sviluppo. Erano presenti Andrea Fustinoni, presidente dell’Accademia del Turismo e delegato al Turismo del gruppo territoriale del Tigullio di Confindustria Genova, Aldo Werdin, vice presidente Accademia e presidente Ugal, e Chiara Rosatelli, direttrice dalla Scuola Alberghiera “Città di Lavagna”.

Accordo tra Confindustria, Ugal, Fondazione Accademia Italiana della Marina Mercantile, Villaggio e Consorzio Lavagna Sviluppo

“Il progetto Accademia del Turismo – ha premesso Fustinoni – è nato con l’obiettivo di rispondere alla domanda delle strutture alberghiere sul territorio di figure professionali specializzate. Teniamo presente che il Levante ligure è, con Sanremo, uno dei due poli ricettivi più importanti della Liguria, e che il Grand Hotel Miramare di Santa Margherita (di cui Fustinoni è titolare, ndr), così come altri hotel del Tigullio, fino a ieri dovevano rivolgersi a istituti fuori regione per trovare personale formato in modo adeguato; da quest’anno, possiamo rivolgerci a un istituto del nostro comprensorio e offrire ai ragazzi un’esperienza di lavoro a km 0”. In particolare, spiega Werdin, “grazie agli stage e all’alternanza scuola-lavoro. Nella fase attuale sono nove gli alberghi, tra Santa Margherita Ligure, Rapallo, Zoagli e Sestri Levante, che hanno aderito al percorso di formazione individuato dall’Accademia e che prevede il coinvolgimento di allievi delle terze e delle quarte classi della Scuola Alberghiera, sia in stage che in alternanza vera e propria, con un monte orario di permanenza in azienda superiore alle 400 ore. Gli allievi che avranno svolto con buoni risultati lo stage o l’alternanza avranno la possibilità di proseguire, dopo l’esame di qualifica o diploma, l’esperienza lavorativa nelle strutture”