Cento euro di multa se beccati a fumare. Giro di vite per tutelare l’ambiente.

A Camogli multe per chi fuma nei parchi pubblici

Avviata, come preannunciato nei mesi scorsi, la campagna per la sostenibilità alla quale il Comune ha aderito. La prima ordinanza in merito, firmata dal sindaco Francesco Olivari, riguarda lo stop al fumo nei parchi pubblici. Al via, dunque le nuove disposizioni con i divieti nei parchi, giardini ed aree pubbliche. L’ordinanza è stata pubblicata in albo pretorio lunedì 13 maggio. «Da controlli effettuati è emerso che nei parchi pubblici, sui moli e sulle banchine, risulta uso frequente fumare da parte degli adulti in presenza di bambini, con conseguente cattivo esempio per le fasce di età piu deboli ed indifese – si legge – e i residui delle sigarette spesso vengono gettati a terra o in mare, con un conseguente inquinamento dell’ambiente».

Il problema fumo viene considerato strettamente correlato quello dell’inquinamento, originato dai mozziconi gettati nelle aree pubbliche e in mare, ritenuti particolarmente nocivi a causa dell’alto contenuto di sostanze tossiche. Adottati, allora, provvedimenti finalizzati alla protezione dei bambini e dei giovani dal tabacco, nonché alla tutela dell’ambiente. Vietato fumare nei giardini gubblici, nei parchi, sulle banchine e i porti del territorio comunale, secondo quanto riportato dalla specifica cartellonistica posizionata in sito. Vietato anche gettare mozziconi di sigarette. Il divieto riguarda un ambito territoriale circoscritto e ben delimitato, quindi ritenuto congruo rispetto alle finalità e non irragionevolmente indeterminato. Al corpo di Polizia Municipale è demandata la vigilanza di quanto prescritto dal provvedimento. La multa è di 100 euro.

Leggi anche:  Cena d'estate a Conscenti

Ecco l’elenco delle zone interessate dall’ordinanza

Giardini pubblici via Castagneto Seia; area verde di Via Castagneto (ex. Gianelline); parco pubblico Eredi Milesi; area giochi in piazza don Giovanni Minzoni; imbarcadero del porticciolo; Molo Napoleonico a partire dalla fine del dehor del locale ‘molo 16’, fino alla fine del molo stesso; imbarcadero di Punta Chiappa e la stessa scogliera, dall’altare alla Punta; caletta degli Scogli Grossi a Punta Chiappa; imbarcadero di San Fruttuoso e tutta la spiaggia di San Fruttuoso.