E’ stato presentato oggi venerdì 1° giugno in Rai a Milano, la quinta edizione del Festival della Comunicazione, che si terrà a Camogli da giovedì 6 a domenica 9 settembre 2018. La lezione inaugurale sarà affidata all’architetto e senatore a vita Renzo Piano.

Visioni il tema 2018

Rosangela Bonsignorio

Un attesissimo appuntamento, quello del Festival, dedicato alla comunicazione, alla cultura e all’innovazione, quest’anno alla quinta edizione. La manifestazione, diretta da Rosangela Bonsignorio e Danco Singer e organizzato da Frame, in collaborazione con il Comune di Camogli, avrà come fil rouge “Visioni”: è attraverso visioni condivise che costruiamo il nostro futuro e quello della nostra collettività ed è da menti visionarie capaci di disegnare nuovi scenari che derivano le opere d’arte e le grandi innovazioni della storia e della scienza.

Anche quest’anno il tema vuole portare avanti l’eredità di Umberto Eco, ideatore della manifestazione, il cui pensiero dà forma ad ogni edizione nella sua particolare visione del contemporaneo e dell’umano. A lui il festival dedica quest’anno lo speciale evento Musica e parole. Un ricordo di Uberto Eco: amici, allievi e colleghi – il musicista Gianni Coscia, il giornalista Furio Colombo, i semiologi Valentina Pisanty e Paolo Fabbri, i filosofi Riccardo Fedriga, Maurizio Ferraris e Marco Santambrogio – racconteranno il lato più umoristico e meno conosciuto del semiologo.

Danco Singer

Parteciperanno, per affrontare il tema delle Visioni da molteplici punti di vista, oltre 100 ospiti, rappresentanti del mondo della cultura, dell’economia, della scienza, dello spettacolo, dell’innovazione e dell’imprenditoria. Tra questi l’architetto e senatore a vita Renzo Piano, che con la sua lectio magistralis sulla nuova visione dell’ambiente urbano aprirà la quinta edizione del festival.

 

 

Ecco alcuni degli ospiti attesi

Alcuni degli ospiti degli incontri: gli storici Alessandro Barbero (che riceverà la terza edizione del Premio Comunicazione), Sergio Luzzatto, Sergio Romano; il compositore, direttore d’orchestra e pianista Giovanni Allevi; il politologo Evgeny Morozov; lo sceneggiatore Ivan Cotroneo; lo stilista Brunello Cucinelli; i registi Gabriele Muccino e Pif; gli scrittori Andrea De Carlo, Alessia Gazzola, Paolo Giordano, Stefano Massini,Sergio Claudio Perroni, Alessandro Piperno, Silvia Truzzi, Ilaria Tuti, Andrea Vitali; gli chef Bruno Barbieri e Davide Oldani; i divulgatori scientifici Piero Angela e Mario Tozzi; lo psicoanalista Massimo Recalcati; l’esperto di comunicazione Carlo Freccero; l’autrice di graphic novel Cinzia Leone; il filosofo ed evoluzionista Telmo Pievani; i giornalisti Annalisa Bruchi, Mario Calabresi, Luca De Biase, Ferruccio de Bortoli, Federico Ferrazza, Luciano Fontana, Federico Fubini, Gad Lerner, Maurizio Molinari, Pierluigi Pardo, David Parenzo, Carlo Rognoni, Massimo Russo, Giorgio Zanchini; Monica Maggioni, presidente della Rai; il divulgatore informatico Salvatore Aranzulla; il giornalista informatico e cacciatore di bufale Paolo Attivissimo; l’attore e youtuber Guglielmo Scilla (alias Willwoosh); la youtuber e scrittrice Sofia Viscardi; gli economisti Carlo Cottarelli, Alessandra Perrazzelli, Paola Schwizer; l’ex magistrato Gherardo Colombo; Francesca Bria, assessore all’innovazione tecnologica a Barcellona; il matematico e saggista Piergiorgio Odifreddi; il genetista Guido Barbujani; il fisico del CNR Massimo Caccia; Roberto Cingolani, Alberto Diaspro e Vittorio Pellegrini dell’Istituto Italiano di Tecnologia; Luca Casaura, di Costa Crociere; Oscar Farinetti, fondatore di Eataly; Gabriele Galateri di Genola, di Assicurazioni Generali; Edoardo Garrone, di ERG; Francesco Profumo, della Compagnia di San Paolo; Andrea Riccardi, fondatore della Comunità di Sant’Egidio; Sergio Solero, di BMW Italia.

Leggi anche:  La triste vicenda di Daniele Campanella e di Rita De Franceschi

Tre appuntamenti speciali

Oltre alle conferenze e ai dialoghi tre appuntamenti speciali per coinvolgere ulteriormente un pubblico diverso per età e interessi e riempire le giornate dalla mattina alla sera. Si inizia chiacchierando di libri e letteratura davanti a cappuccino e brioche, vista mare, con “A colazione con l’autore” e – novità di quest’anno – sfogliando i quotidiani accompagnati dal commento ironico e originale di giornalisti e personaggi di cultura e spettacolo nella rassegna stampa in diretta dal Festival. La giornata si conclude con un’altra novità: durante l’Aperitivo con le “liste degli altri”, Gianni Coscia e la sua fisarmonica interpreteranno le playlist di 139 italiani raccolte da Severino Salvemini.

Un ricco programma di spettacoli, reading e racconti teatrali

Particolarmente ricco quest’anno il programma degli spettacoli, reading e racconti teatrali che porterà sul palco del Teatro Sociale e nelle piazze di Camogli importanti nomi del panorama artistico, letterario e giornalistico italiano: l’attore Umberto Orsini; il giornalista Pietrangelo Buttafuoco, assieme ai musicisti Mario Incudine e Antonio Vasta con “I baci sono definitivi”; lo scrittore Alessandro D’Avenia con “Ogni storia è una storia d’amore”; il poeta Guido Catalano e il cantautore Dente con “Contemporaneamente insieme”; il giurista Gustavo Zagrebelsky e il violoncellista Relja Lukic con “Musica: passione e professione”; i giornalisti Michele Serra con “Beate le bestie. Considerazioni in pubblico alla presenza di una mucca”, Marco Travaglio con “Balle Spaziali”, Federico Rampini con “Linee rosse”; lo psichiatra Paolo Crepet e l’attrice Monica Guerritore con “Il Coraggio. Vivere, amare, educare”; il giornalista Aldo Cazzullo e l’attrice Beatrice Luzzi con “Le donne erediteranno la terra”; la sociologa della scuola di robotica Stefania Operto con “SN-19: storie di umani e robot. L’avanzata dei robot: quale futuro per gli esseri umani?”.

Laboratori per bambini e ragazzi

Tornano come ogni anno al Festival della Comunicazione i molti laboratori dedicati a bambini e ragazzi che permetteranno di esplorare il tema del festival in modo creativo e con un linguaggio adatto ai più piccoli e le tradizionali escursioni, per terra e per mare, alla scoperta del Monte di Portofino e dell’Area Marina Protetta del Promontorio di Portofino.

Il Festival della Comunicazione è realizzato in collaborazione con la Regione Liguria, il Teatro Sociale di Camogli, l’Università degli Studi di Genova, l’Ente Parco di Portofino, l’Area Marina Protetta di Portofino, la Scuola di Robotica, l’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova e MyEdu.