Il consiglio comunale che si è svolto martedì 12 marzo a Chiavari ha approvato il regolamento relativo alla tutela degli animali d’affezione. Un documento che recepisce le ultime linee guida regionali e ministeriali in materia di animali, ma che – grazie a un lungo confronto con tutti gli enti interessati (Asl4 e Regione), con le associazioni animaliste e ambientali – affronta in maniera approfondita la quasi totalità delle tematiche relative agli animali d’affezione nella nostra città.

Chiavari non aveva mai avuto un regolamento su questo tema

Il regolamento comunale – che Chiavari non ha mai avuto – ha come scopo principale l’equilibrio tra la garanzia della salute pubblica e la tutela e il benessere degli animali, cercando di perseguire la corretta convivenza tra istituzioni, cittadini e animali.

Il regolamento frutto della collaborazione di tante parti

Interviene Alberto Corticelli, consigliere capogruppo di Avanti Chiavari-Marco Di Capua Sindaco, «Abbiamo approvato un regolamento moderno per colmare un vuoto esistente: tutto è perfettibile, ma la nostra amministrazione ha dimostrato, ancora una volta, la volontà di tracciare un cammino di civiltà per il nostro comprensorio. Ringrazio l’assessore Fiammetta Maggio, il consigliere Giorgio Canepa, il segretario generale Concetta Orlando, il comandate della Polizia Municipale Federico Luigi Bisso, i veterinari chiavaresi e l’Asl4 per la collaborazione e l’impegno profuso alla stesura del testo, che ha richiesto impegno e applicazione costante. Abbiamo recepito le richieste scaturite dai cittadini in campagna elettorale, durante gli incontri nei quartieri, e abbiamo chiesto un confronto costante alle associazioni animaliste.

Chi protesta oggi, dove era nei 5 anni precedenti e quali battaglie la scorsa amministrazione ha condotto per il benessere e la tutela degli animali? Purtroppo, vuoi per la vicinanza a componenti delle opposizioni, alcuni membri delle associazioni animaliste si sono opposti a priori o non hanno preso parte agli incontri. Nonostante ciò, abbiamo continuato e continueremo a dialogare con la città e con gli enti riconosciuti dall’Assessorato alla Sanità di Regione Liguria, con l’Asl4 competente, con tutti i veterinari e coloro che vorranno apportare ulteriori contributi ed idee per il benessere animale».

Leggi anche:  A San Salvatore di Cogorno una rotonda e due semafori intelligenti

Continueranno i rapporti con le associazioni per confrontarsi

«I rapporti stabiliti con le associazioni, che hanno risposto ai nostri inviti a partecipare agli incontri, sono stati di collaborazione e confronto, e sicuramente continueranno nel tempo – aggiunge l’assessore ai Servizi Sociali, Fiammetta Maggio -. E’ certo che l’amministrazione, in caso di mancanza di unanimità di pareri e dovendo prendere decisioni, scontenterà qualcuno. Faccio notare che il Comune di Chiavari ha messo a disposizione dell’Asl4 veterinaria, a titolo gratuito, un ambulatorio per la sterilizzazione dei gatti e cani randagi nel quartiere di Caperana: a dimostrazione ulteriore dell’attenzione verso i bisogni dei cittadini e dei loro animali».

Fornisce regole specifiche per il benessere degli animali

Chiude il consigliere Giorgio Canepa: «Questo regolamento copre una situazione di assoluta anarchia e fornisce regole specifiche relative al benessere degli animali. Tutto può essere migliorabile, ma questo è un grande passo avanti per rendere fruibili a tutti le regole fondamentali sulla materia. Il regolamento, nei termini prescritti dalla legge, sarà disponibile e consultabile sul sito del Comune di Chiavari».