Fare i corsari in casa del Sestri Levante in termini di paragone è come rubare in casa del ladro. Ma l’Unione Sanremo, che oggi ha espugnato il Sivori, non ha rubato assolutamente nulla. La capolista ha meritato di vincere 1-0  grazie ad una zampata del capocannoniere del campionato, Lauria, al 22’ del secondo tempo. Il Sestri Levante, invece, perde l’imbattibilità casalinga che durava dal 3 aprile 2017 (Sestri Levante-Lavagnese 2-3 n.d.r.)  e ora sarà chiamato nell’anticipo di sabato a Viareggio ad una prova d’orgoglio.

I corsari perdono anche l’imbattibilità al Sivori che durava da dieci mesi

Troppo il divario tra le due squadre. I matuziani sono padroni del campo, i corsari si difendono ordinatamente. La gara si infiamma al 5’ gli ospiti si fanno vedere con Scalzi il cui diagonale è respinto da Adornato. Al 9’ traversone di Rotulo dalla destra, colpo di testa di Cacciatore e palla alta sopra la traversa. Al 12’ timida reazione del Sestri Levante con De Vivo il cui tiro da fuori area si spegne a lato di poco. Al 20’ nuovamente i biancoazzurri in avanti: diagonale di Scalzi che attraversa tutta l’area, la palla viene rimessa in mezzo dalla destra con un cross di Rotulo per Gagliardi che spedisce a lato. Al 23’ bella combinazione tra Ianniello e De Vivo, l’esterno di quest’ultimo viene bloccato da Salvalaggio. Al 34’ ancora De Vivo il cui tiro finisce fuori. Al 38’ punizione da posizione decentrata di Scalzi, Adornato para. Allo scadere l’occasione più ghiotta del primo tempo è per l’Unione Sanremo: Costantini svernicia la parte esterna del palo alla destra del numero uno corsaro.

Leggi anche:  Cartolina "fascista" al sindaco di Sestri, solidarietà unanime dalla politica chiavarese

La rete della capolista è arrivato al 22′ della ripresa grazie ad una zampata del capocannoniere Lauria

La ripresa si apre con l’infortunio di Costantini, costretto ad abbandonare il terreno di gioco in barella. La rete della vittoria degli ospiti giunge al 22’: sugli sviluppi di un calcio d’angolo, colpo di testa di Cacciatori che colpisce il palo ma sulla respinta è abile Lauria a depositare alle spalle di Adornato da distanza ravvicinata. Al 24’ il portiere del Sestri Levante in uscita disperata ruba palla a Scalzi ormai lanciato a rete in contropiede. Al 31’ i rossoblu divorano un’occasione d’oro con Armato che, da buona posizione, calcia debolmente “in bocca” a Salvalaggio. Al 34’ i sestrini ridotti in dieci per l’espulsione di Orlando per gioco falloso dopo essere entrato in campo da appena due minuti. Al 40’ c’è spazio ancora che una cannonata di Caboni, Adornato si salva in corner. La partita di fatto termina qui.

La Lavagnese resuscita l’Argentina

Clamoroso ad Arma di Taggia ma non troppo. La Lavagnese perde in trasferta contro l’Argentina, ultimo in classifica, alla sua prima vittoria in campionato. Le reti dei padroni di casa portano la firma di Di Lauro e Vitiello che rilanciano in chiave salvezza l’Argentina, anche se sarà molto difficile. I bianconeri cercheranno il riscatto domenica prossima contro il Savona al Riboli di Lavagna.