Ancora una giornata da dimenticare per l’Entella guidata da mister Alfredo Aglietti.

Primo tempo. Entella Spezia reti inviolate

Freddo pungente e pioggia battente al Comunale di Chiavari, dove questa sera, lunedì 5 febbraio si sono affrontate Entella e Spezia. A dirigere il match, terza giornata di ritorno, è Livio Marinelli di Tivoli. Il fischietto laziale è stato affiancato dalla coppia di assistenti composta da Cecconi e Muto, quarto ufficiale sarà il signor Provesi di Treviglio.

L’Entella dopo due sconfitte consecutive scende in campo con l’atteggiamento giusto. All’11esimo il cross di Belli per Crimi impensierisce gli ospiti, ma è solo una traversa e il risultato non si sblocca. Al 16esimo ci riprova Gatto che calcia nelle braccia di Di Gennaro. Due minuti dopo la grinta di Crimi insidia ancora il portiere avversario che però riesce a parare. Poco dopo è la volta di Marilungo che va all’attacco su Iacobucci. Al 31esimo ammonito Augello, calcio di punizione per l’Entella, ancora una volta ci prova Crimi ma anche questa volta la palla non entra. Al 37esimo arriva l’ammonizione per Gatto, calcio di punizione per lo Spezia che spreca un’occasione. Un’altra ammonizione, stavolta per Crimi, due minuti di recupero, ma il primo tempo si chiude a reti inviolate.

Lo Spezia segna la rete del vantaggio, l’Entella perde ancora

Il secondo tempo, si apre, come spesso accade, con i biancocelesti sottotono. Già dai primi minuti l’Entella arranca. Al 52esimo entra Maggiore al posto di Pessina. E proprio lui  al 55esimo segnerà il goal del vantaggio per lo Spezia.  Lunghi, lunghissimi minuti in cui i biancocelesti rimangono impietriti senza reagire. Al 60esimo doppio cambio per l’Entella esce Brivio per Alji e Gatto per Nizzetto. Al 70esimo Nizzetto prende una traversa e Ceccarelli insidiato. Per Eramo entra Petrovic. Ora l’Entella ha un altro ritmo e incalza lo Spezia fino agli ultimi minuti. Ultimo cambio per gli aquilotti  esce De Col entra Masi. Ammonito La Mantia per simulazione questo rigore non s’ha da fare.  Cinque minuti di recupero e un altro risultato negativo per l’Entella che si ritrova al  quartultimo posto.