Pierpaolo De Negri (Mistina Focus) e Luca Raggio ( WilierTriestina Selle Italia) in questi giorni sono impegnati sulle strade del Tigullio per ultimare la preparazione in vista del Trofeo Laigueglia in programma domenica 11 febbraio nella cittadina del ponente ligure.

Il trofeo Laigueglia

Sono 152 in rappresentanza di 22 squadre i corridori iscritti alla classica internazionale che apre la stagione ciclistica in Italia. Il percorso ricalca quello delle ultime edizioni ma propone una novità fondamentale negli ultimi chilometri. Dopo le operazioni preliminari con il foglio firma e la presentazione degli atleti in piazza dei Pescatori e il via ufficioso da via Roma, la carovana raggiungerà le località di Albenga, Alassio e Ceriale per poi affrontare la prima asperità della giornata: quella di Onzo, preludio ad una parte di gara particolarmente interessante. Dopo aver toccato Ortovero e Villanova d’Albenga i corridori si dirigeranno verso il primo Gran Premio della Montagna della giornata, quello di Cima Paravenna, salita storica del Trofeo. Dopo un primo passaggio in zona traguardo, a circa metà gara, si entrerà nel vivo con il Capo Mele e il Testico per poi entrare nel circuito conclusivo di 12,6 chilometri con le asperità di Capo Mele e Colla Micheri che sarà affrontato, ecco la novità, per quattro volte prima dell’arrivo. In tutto ci saranno da percorrere 203,7 chilometri.

Leggi anche:  La Lavagnese cerca il colpaccio a Forte dei Marmi

Difficile fare un pronostico, De Negri e Raggio, entrambi intenzionati a fare bene, dovranno vedersela, tra gli altri, con il belga Sean De Bie (Veranbda’s) vincitore ieri in Francia della 4^ tappa dell’Etoile de Besseges . Attesi anche Niccolò Bonifazio e Moreno Moser che gareggeranno con la maglia della nazionale italiana. Tra gli altri possibili protagonisti il russo Sergey Firsanov (Gazprom Rusvelo) vincitore nel 2017 a Chiavari del Giro dell’Appennino.