Chiavari sarà nuovamente capitale della scherma, almeno ligure. La società verdeblu guidata dal presidente Nicola Orecchia si appresta ad organizzare una bella manifestazione nella giornata di domenica 8 aprile, al Palazzetto dello Sport di Chiavari a Sampierdicanne dove saranno presenti circa 200 atleti provenienti da tutta la Liguria.

La scherma ligure in scena a Chiavari

Con ingresso libero e gratuito a partire dalle ore 9.30, si debutterà con la gara più numerosa quella della spada maschile con circa 60 atleti iscritti tra i quali i numerosi portacolori chiavaresi Giacomo Falcini, Paolo Casazza, Giovanni Cozzi, Cristofer Romaggi, Diego ed Emanuele Strafella per poi proseguire con la spada femminile con le nostre Valeria Burani, Giulia Navazzotti e finire con le gare di fioretto e sciabola.

La prova vale come qualificazione alla fase finale della Coppa Italia nazionale che si disputerà ad Ancona nel mese di maggio e che ripescherà 16 atleti che potranno partecipare alla fase finale dei Campionati Nazionali Assoluti che si disputeranno nel mese di giugno a Milano.

Nel pomeriggio a partire dalle 15.30 scenderanno in pedana per la terza prova regionale 1° trofeo ITAS nato grazie alla collaborazione tra Chiavari Scherma ASD e la compagnia assicurativa ITAS con sede a Trento rappresentata sul territorio dall’Agenzia di Chiavari Adele Mariani le Categorie prime lame/esordienti i piccoli moschettieri d’età compresa tra gli 8 e 9 anni alle loro prime esperienze di gare.

Leggi anche:  Chiavari: omaggio al Parco Botanico di Villa Rocca per i visitatori di Euroflora

Anche qui nutrito e folto il numero dei portacolori chiavaresi con Edoardo Lillini, Massimiliano Fontana, Anna Callegari, Aglaia Tassano, Jacopo Albertin, Cristian Vitali.

Resta sempre vivo l’impegno della Società chiavarese di portare sul territorio della Città di Chiavari eventi nella speranza che si riesca a realizzare una nuova sede per la scherma integrato in un polo sportivo che permetta una collaborare tra più discipline sportive che possa servire alla crescita sia dei futuri campioni sia di tutto il comprensorio.