Il consigliere regionale di minoranza del Partito democratico Luca Garibaldi ha depositato una interrogazione sul fatto che dal 2018 i medici della Asl 4 e della Liguria non hanno più accesso ai dati dei propri pazienti, attraverso il conto corrente salute.

Sul tema il consigliere regionale del Pd Luca Garibaldi ha presentato un’interrogazione

“Si dice che il problema sia la privacy – dichiara Garibaldi – ma dato che il sistema di rapporto tra Asl 4 e medici di medicina generale è stato recentemente elogiato anche in altre Regioni, a partire dal Lazio, è singolare che ciò avvenga solo in Liguria. A questo punto – conclude il consigliere del Pd – sarebbe anche interessante sapere, quando la Regione istituirà, alla buon’ora, perché sono 2 anni che l’annuncia, il fascicolo sanitario elettronico unico regionale, se ai medici di famiglia sarà consentito l’accesso ai dati in maniera semplice ed efficace, oppure no”.

L’Asl 4 replica che I dati dei pazienti non sono mantenuti nascosti al medico di base ma sono stati adeguati alle disposizioni vigenti in materia

“Si precisa che sono state correttamente e debitamente recepite le direttive di cui alla nota del 12 giugno 2017 dell’Autorità Garante per la Protezione  dei dati Personali – si legge in una nota dell’Asl 4 – in tale nota viene evidenziato che la consegna dei referti presso i Medici di Medicina Generale (MMG) è assoggetta alle specifiche norme e non a quelle del fascicolo sanitario elettronico”.