Il Comune di Santa Margherita estende la raccolta differenziata spinta a tutto il territorio cittadino. Si era partiti nel 2016 con la zona più popolosa della città, da piazza Mazzini sino a San Siro. Il provvedimento inizierà ai primi giorni di marzo.

Il servizio di raccolta prevede porta a porta, bidoni condominiali e isole di prossimità in base alle caratteristiche di quartieri e palazzi

La settimana prossima si terranno gli incontri informativi con i sammargheritesi divisi per utenze domestiche e utenze non domestiche. Successivamente scatterà la consegna dei kit. Il servizio di raccolta prevede tre tipologie di conferimento: porta a porta, bidoni condominiali e isole di prossimità in base alle caratteristiche di quartieri e palazzi. “C’era un contenzioso tra alcuni comuni e la Città Metropolitana di Genova proprio sulla gestione del ciclo dei rifiuti che ci ha impedito finora di estendere il nuovo sistema a tutta la città – ha affermato il sindaco di Santa Margherita Ligure Paolo Donadoni – la procedura giudiziaria è stata abbandonata, essendo intervenuto un accordo tra le parti, e siamo riusciti finalmente a mantenere l’impegno preso con i cittadini”. La raccolta differenziata a Santa Margherita, finora, ha raggiunto il 56%, partendo dal 49% di fine 2015. La Tari è cresciuta del 3,15% dal 2015 al 2018, e tra il 2017 e il 2018 non ci sono stati aumenti.