Sarà sicuramente un 2018 “impegnativo” per Gian Alberto Mangiante, attualmente amministratore unico di Marina Chiavari, almeno fino ad aprile.

Mangiante nominato presidente di Rivieracqua

Un uomo, una garanzia. E’ il caso di dirlo per l’attuale amministratore unico di Marina Chiavari, ed ex presidente dell’Ordine dei Commercialisti, Gian Alberto Mangiante. Nel suo curriculum da curatore fallimentare e consulente fiscale per enti pubblici e privati ha lavorato in diversi enti e società che non se la passavano bene, dal punto di vista economico. E’ notizia di mercoledì 13 dicembre che Mangiante è stato nominato, nel ponente ligure, come nuovo presidente del consiglio di amministrazione di Rivieracqua (società pubbica con sedi a Sanremo e Imperia), dopo le dimissioni del vecchio CdA a seguito delle indagini che ruotano attorno alla società idrica della provincia di Imperia, per scandali, arresti e indagati dovuti a spese folli, consulenze sospette e concorsi truccati.

Mangiante sponsorizzato dal sindaco Di Capua

Insomma, un’altra gatta da pelare non facile, nella quale gli sponsor principali della nomina sarebbero stati proprio il primo cittadino chiavarese, il commercialista Marco Di Capua e forse la futura segretaria generale del comune di Chiavari (ufficialmente dal 2 gennaio) Concetta Orlando, che arriva proprio da Sanremo, comune capofila di Rivieracqua: «Sono anch’io uno sponsor di Mangiante – ammette il sindaco, che di professione è commercialista -. Un professionista che ha ben lavorato sia nell’ordine chiavarese che in Marina Chiavari in questi mesi».

Leggi anche:  Festival della Parola #UnaParolaPerGiulio

Almeno fino ad aprile, Mangiante rimarrà a Marina Chiavari

Oltre alla nomina in Rivieracqua, il commercialista chiavarese almeno fino ad aprile 2018, manterrà la carica nella società che gestisce il porto chiavarese Gatti, che negli anni ha avuto non pochi problemi finanziari per via dei lavori di ampliamento dello scalo. «Sto pensando ad un ampliamento del CdA della società a 5 persone – ha detto il sindaco su Marina Chiavari -. Mangiante rimarrà almeno fino ad aprile». Nel futuro della società chiavarese sembrano certi gli ingressi di Pierluigi Piombo, Germano Tabaroni e Luca Domeneghini, più altri due nominativi.

Presto anche un ruolo nella fusione Atp-Amt?

Per Mangiante, non finisce qui con un’altra possibile nomina in arrivo. Il suo nome, infatti, è tra i papabili a rappresentare i Comuni piccoli azionisti nella fusione di Atp e Amt: «Con altri Comuni del territorio siamo d’accordo di farci rappresentare da lui anche nella nuova azienda di trasporto pubblico locale». Queste stanno vivendo un grave momento di crisi. Ed anche qua, dovrà penserci Gian Alberto Mangiante…