Solidarietà alla sindaco di Sestri Levante, dalla maggioranza e dall’opposizione chiavarese

Solidarietà a Ghio, dal Pd di Chiavari

Il consigliere comunale del gruppo “Pd – Lista La Città di tutti” e il Segretario del Circolo Pd di Chiavari, Mauro Ferretti esprimono solidarietà nei confronti del sindaco di Sestri Levante Valentina Ghio. “Al di là della pochezza dei contenuti e della viltà della scelta dell’anonimato, la cartolina di minacce ricevuta, dal Sindaco di Sestri Levante, Valentina Ghio, testimonia di come la sfida fascista alle nostre istituzioni democratiche si faccia ogni giorno più sfrontata e pericolosa – scrivono Cama e Ferretti -. Nell’esprimere la propria solidarietà a Valentina Ghio, il Circolo PD di Chiavari e la Lista La Città di Tutti, sollecitano tutte le istituzioni a porre in atto tutte le misure necessarie ad isolare una presenza e una retorica, che oltraggiano i tanti che hanno dato la vita per la nostra libertà”.

Pronta una mozione urgente simile a quella approvata a Sestri Levante

Il PD chiavarese intende, inoltre, presentare nel prossimo consiglio comunale, una mozione simile a quella approvata a Sestri, per il divieto della concessione di spazi pubblici a gruppi di ispirazione neofascista.  “In questa prospettiva, abbiamo provveduto a depositare la richiesta di iscrizione all’ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale di una Mozione Urgente con cui si impegna il Sindaco e la Giunta comunale a non concedere sedi comunali e suolo pubblico alle associazioni e alle manifestazioni che non garantiscono i valori sanciti dalla Costituzione, professando e/o praticando comportamenti fascisti, razzisti, omofobi. Sarebbe gravissimo se un siffatto appello non venisse accolto”.

La solidarietà del sindaco di Chiavari Marco Di Capua

“Nei giorni scorsi una cartolina di minacce è stata ricevuta dal Sindaco di Sestri Levante. Come Sindaco di Chiavari, sicuro di essere voce di tutta l’Amministrazione e del Consiglio, esprimo la mia solidarietà a Valentina Ghio sia come persona che come Sindaco – ha dichiarato Di Capua -. Non voglio valutare, né sottovalutare il contenuto della cartolina, ma è certo che atteggiamenti di questa sorta, da ogni parte provengano, non sono accettabili perché oltre a poter minare la Costituzione, sono indice di una società “deviata”. Mi impegno a combattere ogni atteggiamento di questa natura, in tutte le forme ed i modi permessi dalle leggi.”.

Leggi anche:  Per Tosi (M5S) la tassa di soggiorno in Liguria è una vera e propria giungla

Anche il gruppo “Noi di Chiavari” per il no alla concessione di spazi pubblici a fascisti

Il Gruppo Consiliare Noi di Chiavari ha comunicato di aver protocollato questa mattina, venerdì 5 Gennaio 2018, un Ordine del Giorno urgente, con richiesta che venga inserito tra i punti del prossimo Consiglio Comunale. Il documento è intitolato “Valori e Principi della Costituzione Repubblicana” ed è firmato dai tre consiglieri Roberto Levaggi (capogruppo), Daniela Colombo e Silvia Garibaldi. Nel testo si chiede che il sindaco e la giunta «non concedano sedi comunali e suolo pubblico alle associazioni o alle manifestazioni che non garantiscono di rispettare i valori sanciti dalla Costituzione professando e/o praticando comportamenti fascisti, razzisti, omofobi».

“L’amministrazione si impegni a mantenere la memoria storica contro i fascismi

Inoltre, i tre consiglieri di Noi di Chiavari impegnano l’attuale amministrazione a continuare nella promozione di eventi culturali affinché sia mantenuta la memoria storica, soprattutto nelle giovani generazioni. Un invito particolare è rivolto all’assessorato alla Cultura e Turismo. «L’assessorato programmi alcune iniziative rilevanti sotto il profilo storico culturale collaterali agli usuali eventi per la commemorazione dei 73 anni dalla Liberazione dell’Italia dal Nazifascismo, il prossimo 25 aprile. Va ribadito il ruolo storico di Chiavari quale “culla del Risorgimento” e di solide radici liberal democratiche. Una città che ha scritto alcune pagine importanti durante la lotta di Liberazione dalla dittatura nazifascista”.