Musei, biblioteche e municipi aprono le porte all’alternanza scuola-lavoro

Il direttore generale ANCI Liguria Pierluigi Vinai e il direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale Ernesto Pellecchia hanno sottoscritto ieri un protocollo di collaborazione per promuovere i percorsi di alternanza scuola-lavoro nei Comuni liguri e nelle strutture di proprietà degli stessi, come musei civici e biblioteche.

«Grazie all’accordo di collaborazione USR-ANCI si creano le condizioni perché si possa concretamente organizzare, promuovere e svolgere dei percorsi di formazione nelle strutture comunali – afferma il direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale Ernesto Pellecchia –  Attraverso queste esperienze, si consente ai giovani di istituti tecnici e licei residenti in Liguria di stabilire un contatto diretto con l’ente più importante a livello territoriale locale, che è il Comune. Ma l’alternanza non è solo approccio al mondo organizzato del lavoro – conclude Pellecchia – bensì educazione civica, educazione alla democrazia e attività di orientamento per il futuro dei nostri studenti».

L’intesa prevede, a partire dal prossimo anno scolastico 2018/2019, il ruolo chiave ed esclusivo di ANCI Liguria nel supportare l’organizzazione di “learning tour” nei Comuni da parte di docenti e studenti; promuovere forme di collaborazione tra tutor scolastici e tutor degli enti locali; diffondere verso i tutor degli enti locali le indicazioni nazionali; raccogliere le disponibilità di propri rappresentanti a far parte dei Comitati Tecnico Scientifici (CTS) e dei Comitati Scientifici (CS) delle scuole; curare campagne di sensibilizzazione e orientamento di uffici e soggetti coinvolti.

Leggi anche:  Contributi alle piccole imprese dell’entroterra: dal 18 giugno si apre il bando

«Per la prima volta ANCI offrirà il proprio contributo alla definizione dei Piani dell’Offerta Formativa delle scuole liguri – commenta il direttore generale Pierluigi Vinai –  Se è vero che l’istituzione comunale è la casa di ogni cittadino e soprattutto il centro di erogazione dei servizi essenziali, allora dobbiamo essere molto contenti di iniziare concretamente un percorso, tante volte annunciato, in cui in questa casa facciamo entrare e facciamo vivere per un periodo i nostri giovani studenti, cittadini e amministratori di domani», conclude Vinai.