Inchiesta sulle “Spese pazze” in Regione Liguria, fra i 19 rinviati a giudizio c’è anche il senatore del Partito Democratico Vito Vattuone, appena rieletto a Palazzo Madama.

Tanti imputati di tutti gli schieramenti

L’inchiesta della magistratura sulle spese illecite in Regione riguarda la legislatura 2005-2010: ben 19, fra attuali ed ex consiglieri regionali, i rinviati a giudizio, su decisione del giudice per l’udienza preliminare Massimo Cusatti. Il processo, il cui inizio è previsto per il prossimo 3 luglio, vedrà gli imputati accusati di peculato, per presunto utilizzo di soldi pubblici per spese personali. Vattuone sarà in una eterogenea “compagnia”: già rinviati a giudizio erano stati, per nominare solo alcuni, l’ex presidente del consiglio regionale ed ora anch’egli senatore Francesco Bruzzone della Lega, Sandro Biasotti coordinatore di Forza Italia, l’attuale sindaco di Zoagli Franco Rocca, e fra i politici che si aggiungono al banco degli imputati vi sono nomi appartenenti un po’ a tutti gli schieramenti dell’epoca, da Gianni Plinio dell’ultradestra di Casapound (all’epoca dei fatti nell’ex Alleanza Nazionale) a Giacomo Conti di Rifondazione Comunista.