La stazione forestale dei carabinieri ha sequestrato un terreno in via Tonnego a Rapallo, adibito a discarica abusiva di rifiuti speciali pericolosi. Si tratta di un’area di 1000 metri quadrati, porzione di una superficie più ampia di circa 5000 metri quadri, situata all’interno di un bosco e posta tra due torrenti, il Tonnego e il Tangone.

Si tratta di un’area di 1000 metri quadrati, porzione di una superficie più ampia di circa 5000 metri quadri a Rapallo

Tra l’altro si trova all’interno di zona sottoposta a vincolo paesaggistico ambientale. Al suo interno i militari hanno trovato autocarri, vetture, roulotte, in stato di forte degrado, oltre a 100 quintali di rifiuti vari, eternit, ferro, plastica, vetro, reti e materassi, a diretto contatto con il suolo. Il sequestro, convalidato dalla Procura di Genova, al momento è a carico di ignoti. Poiché risulta morta l’intestataria dell’immobile, che sembra non avere parenti. Le indagini comunque continuano. Si tratta del secondo sequestro penale nel territorio di Rapallo da inizio anno. Lo scorso gennaio, infatti, erano stati sequestrati mezzi rinvenuti nei pressi del Santuario di Montallegro, e denunciate all’autorità giudiziaria otto persone, ritenute responsabili di gestione illecita di rifiuti. Infine i carabinieri forestali fanno sapere che durante le ultime due settimane sono state elevate sanzioni amministrative per diecimila euro, nei confronti di residenti nei comuni di Rapallo, Recco e Zoagli, sempre relative ad illeciti ambientali.

Leggi anche:  Appalti rifiuti «gonfiati» a Chiavari, attesa per la conferenza stampa urgente di domattina