Non verrà svolta l’autopsia sul corpo di Gianluigi Devoto, l’imprenditore edile rapallese 47enne che ha perso la vita venerdì sera nel tragico incidente stradale nella galleria delle Grazie a Chiavari, mentre era in sella alla sua moto. La decisione degli inquirenti, come riporta il Secolo XIX di stamani, è frutto del fatto che, oltre ad essere evidenti le cause del decesso, non si sono ad ora ravvisate responsabilità individuali da parte degli altri automobilisti coinvolti nel sinistro: impossibile infatti per loro evitare l’impatto in cui Devoto è morto sul colpo.

Questa decisione permette alla famiglia di svolgere immediatamente i funerali: la recita del rosario è dunque fissata per stasera alle 19 presso l’obitorio di Lavagna, mentre le esequie si svolgeranno domani a Rapallo, alle 15.30 presso la basilica di San Gervasio e Protasio.