La firma della nuova convenzione Regione-Galliera è avvenuta venerdì 29 dicembre.

Una nuova convenzione Regione-Galliera dopo 20 anni di proroghe

Il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti ha firmato nella giornata di venerdì 29 dicembre, la nuova convenzione con l’ente ospedaliero “Ospedali Galliera” di Genova. Dopo 20 anni di proroghe, il Galliera viene inserito nel sistema sanitario regionale. “Una convenzione importante – secondo il presidente della Regione Toti -, anche alla luce dell’importante intervento di ristrutturazione edilizia di cui sarà oggetto l’ospedale Galliera nei prossimi anni”.

La convenzione risultato legato al nuovo Piano Sociosanitario regionale

La nuova convenzione definisce il ruolo del Galliera nell’ambito del Servizio Sanitario Regionale e i rapporti tra Regione e ospedale. Un risultato strettamente legato all’approvazione, di poche settimane fa, del Piano Sociosanitario regionale, che riconosce l’autonomia del Galliera e la sua partecipazione al sistema sanitario ligure quale Dea di 1° livello. Per l’assessore regionale Sonia Viale, il nuovo Piano definisce anche l’identità del Galliera. “L’ospedale genovese diventa ospedale di riferimento per l’area metropolitana, riconoscendo la sua alta vocazione in Geriatria e Ortopedia. Per questo la Regione sosterrà il percorso del Galliera, volto al riconoscimento di Istituto di Ricovero e Cura a carattere Scientifico (Irccs)”.

Leggi anche:  Diocesi di Chiavari, le nomine per due sacerdoti

Cosa viene stabilito con la nuova convenzione Regione-Galliera

In base a quanto stabilito dal documento, il Galliera garantisce il coordinato inserimento delle proprie strutture operative nell’ambito della rete ospedaliera regionale e dell’offerta assistenziale territoriale dell’area metropolitana. Riconosce, inoltre, l’integrazione dei propri servizi nel sistema di emergenza sanitaria regionale e nelle reti per le patologie complesse tempo-dipendenti. La convenzione vale a tempo indeterminato.