È stato inaugurato questa mattina il primo dei sette defibrillatori ad uso pubblico che andranno a coprire il territorio cittadino chiavarese.

Il primo di sette defibrillatori inaugurato stamane

Il Sindaco di Chiavari Marco Di Capua ha tagliato questa mattina, attorno alle 11:30, il nastro inaugurale per il defibrillatore automatico esterno in largo Pessagno, tra l’angolo del palazzo dove ha sede la piscina comunale e la scalinata che porta alle scuole Mazzini. Con lui rappresentanti dell’Amministrazione Comunale ed in particolare il capogruppo di Avanti Chiavari Alberto Corticelli, che alle nostre telecamere ha presentato il progetto subito prima del taglio del nasto.

Come ha infatti spiegato Corticelli è prevista l’installazione di sette DAE nelle aree periferiche e del centro storico chiavaresi. Scopo dell’Amministrazione è quello di diffondere e far conoscere l’uso del defibrillatore automatico alla cittadinanza, a cui saranno offerti corsi di formazione ed informazione in merito, con l’obiettivo di creare una rete capillare di intervento di prima emergenza sui casi di arresto cardiaco che possa salvare delle vite. La rapidità della prima defibrillazione in simili casi, infatti, ha una influenza fondamentale sul tasso di sopravvivenza dei malati: pochissimi minuti, quelli che può essere costretto ad impiegare un equipaggio di soccorso del 118 a giungere sul luogo di un intervento, possono spesso fare la differenza fra la vita e la morte: la disponibilità sul territorio dei DAE, dunque, così come di cittadini capaci di utilizzarlo, è di grandissima importanza per la salute pubblica.

Leggi anche:  Inchieste, approfondimenti e interviste su Il Nuovo Levante da oggi in edicola